Oltre ogni regola: l'amore segreto tra il prete e la poetessa erotica

Quasi 30 anni di differenza e due mondi opposti, eppure alla morte del suo amante Lucia Lucchesin ha deciso di raccontare tutta la verità

Ben 27 anni di amore sincero ma proibito, più forte della distanza ma costretto a nascondersi. Così la poetessa e pittrice veneziana Lucia Lucchesin descrive la sua lunga relazione con don Raphael Andonian( o più colloquialmente “padre Raffaele”), vescovo armeno che la conobbe negli anni '90, quando direttore del collegio "Ca’ Zenobi" in laguna. A raccontare la loro storia è il Gazzettino, riportando fedele le testimonianze dell'artista, che ha voluto così esaudire l'ultimo desiderio del suo amato, che nella sua ultima telefonata le ha chiesto ancora una volta di raccontare al mondo il loro amore “divino e soprannaturale”. Andonian è infatti deceduto il 6 aprile, a Boston, lasciando nello sconforto la sua amante di tutta una vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PIÙ FORTE DELLA MORALE – I due, stando a quanto riferisce la donna (le cui parole sono validate da foto, registrazioni e lettere autografe), si conobbero ad una cena tra amici, dove scattò subito il colpo di fulmine, incurante della differenza di età (il prelato era quasi 30 anni più vecchio della poetessa) e soprattutto delle regole che governavano il mondo di lui, religioso “in carriera” e votato al celibato. Il fuoco del sentimento divampò rapidamente e le sue fiamme consumarono in fretta la coppia improbabile: la scrittrice di rime erotiche in quegli anni aveva appena pubblicato il suo primo libro, il prete era nel bel mezzo di un incarico fondamentale. Eppure non ci fu nulla da fare: per 27 anni i due si sono amati senza limiti, nemmeno quelli spaziali: padre Raffaele viene mandato a Boston, la Lucchesino si sposa e mette su famiglia, ma ogni volta che possano i due tornano ad incontrarsi, rubando giornate a vite inconsapevoli. Fino all'ultimo, straziante saluto: per allontanare la poetessa dalla bara dell'amato, durante il funerale sull'isola degli Armeni, sono dovuti intervenire gli altri presenti; Dio, diceva la donna, ha sbagliato anima: “doveva prendere me”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento