Bandito "latinos" ricercato da Milano si rifugia a San Donà: scoperto e arrestato in hotel

L'uomo, un equadoregno, si era registrato in un albergo del comune del Veneziano pensando di non essere scoperto. Messo in manette dalla polizia

Doveva scontare due mesi e otto giorni in carcere ma aveva fatto perdere le sue tracce.

L'uomo, F.E.J.M., equadoregno appartenente ad una banda di latinos, pur clandestino sul suolo italiano, risultava essere domiciliato a Milano. Dopo essersi allontanato dal capoluogo lombardo si è rifugiato in un albergo di San Donà cercando di non dare nell'occhio. Il suo atteggiamento sospetto, però, non è passato inosservato e la polizia ha deciso di controllare. Identificato, il bandito sudamericano è stato arrestato dagli agenti di Jesolo con un'operazione piuttosto delicata data la pericolosità del malvivente. Si trova ora detenuto nel carcere di Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento