Clonavano carte di credito e bancomat: sbaragliata la banda dello skimmer

Quattro le persone di nazionalità ucraina denunciate. Possedevano materiale elettronico per carpire dati sensibili agli sportelli, e attrezzi idonei allo scasso

Foto: materiale sequestrato dai carabinieri

Una banda superattrezzata, dotata di tutto il materiale necessario a clonare carte di credito e bancomat agli sportelli, giusto nel periodo natalizio, quando i prelievi di denaro e le spese aumentano. I carabinieri hanno individuato e denunciato i 4 componenti nella notte tra venerdì e sabato, tutti cittadini ucraini, e sbaragliato la "skimmer band".

Appostamento

Nel corso dei controlli disposti dal comando provinciale dei carabinieri di Venezia, su indirizzo anche della prefettura, i carabinieri della tenenza di Dolo e della compagnia di intervento operativo del quarto battaglione Veneto di Mestre, insospettiti dai movimenti delle 4 persone, li hanno sorpresi a bordo di un furgone (con targa dell’Ucraina) in sosta in una piazza del centro a Camponogara. Sono stati trovati in possesso di svariato materiale idoneo all’intercettazione illecita di comunicazioni telematiche, mediante l’accesso abusivo a sistemi telematici attraverso i codici di accesso e la clonazione di carte di credito e bancomat.

Materiale

In questi giorni di festività prima del Natale, tantissimi sono i cittadini che vanno agli sportelli a prelevare per l’acquisto dei regali e delle provviste per i pasti natalizi. A bordo del mezzo, oltre ad un coltello a serramanico di 20 centimetri, è stato trovato e sequestrato numeroso materiale elettronico idoneo alla clonazione di carte di credito, mediante l’intercettazione telematica dei dati sensibili digitati agli sportelli bancomat, e attrezzi idonei allo scasso: un piede di porco, due scanner portatili, quattro cacciaviti, un taglierino e un bisturi, una torcia, una pistola per colla a caldo e un saldatore, una tastiera simile a quella dei bancomat, quattro lettori di carte per inserimento bancomat, quattro cellulari, tre computer e quattro carte di credito. 

Skimmer

Lo skimmer, dispositivo capace di leggere e immagazzinare su una memoria i dati della banda magnetica, appositamente installato sopra la fessura di inserimento delle carte magnetiche, o inserito all’interno della bocchetta dell’erogatore del denaro, unitamente alla microcamera, permette di carpire i codici Pin delle carte di credito e bancomat, e quindi riportarli in quelle clonate così da procedere al prelievo o al pagamento. Tutti e quattro i cittadini ucraini di 27, 38, 24 e 25 anni sono stati deferiti in stato di libertà alla procura della Repubblica del tribunale di Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Ciclista travolto e ucciso da un'auto

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

  • C'è un nuovo ristorante con due stelle Michelin a Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento