Rapporti sessuali a pagamento con i clienti: centro massaggi sotto sequestro

Favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione: sono i reati attribuiti alla titolare, una cittadina cinese 35enne, sottoposta a misure cautelari

Un centro massaggi a Venezia messo sotto sequestro e una cittadina cinese, titolare dell'attività, sottoposta a misure cautelari. Questo il risultato dell'operazione della squadra mobile che, mercoledì, ha dato esecuzione a una ordinanza emessa dal gip del tribunale di Venezia, su richiesta della procura della Repubblica.

Sfruttamento di giovani

La donna, una 35enne, sarebbe responsabile di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione nei confronti di proprie connazionali. Avrebbe gestito e organizzato una vera e propria casa di prostituzione sfruttando delle giovani, della sua stessa nazionalità, le quali praticavano rapporti sessuali con i clienti del centro dietro il pagamento di somme di denaro.

Le pratiche illegali

Nel corso dell’attività sono stati identificati e sentiti numerosi clienti i quali hanno confermato che le ragazze orientali che operavano all’interno del centro benessere, con la “scusa” del massaggio completo, effettuavano prestazioni sessuali di vario genere con relativo aggravio economico a seconda della tipologia di prestazione consumata. Il centro massaggi in parola è stato sottoposto a sequestro preventivo.

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Micosi alle unghie: i rimedi fai da te

  • I consigli per una lavastoviglie pulita e senza cattivi odori

  • Moscerini della frutta: come eliminarli dalla propria cucina

I più letti della settimana

  • Schianto frontale tra un'auto e un autobus: due morti e feriti gravi sulla Triestina

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Si sente male e muore in spiaggia a Jesolo

  • Auto fuori strada finisce nel canale, perde la vita un 23enne

  • A Mirano una raccolta fondi per la famiglia di Andrei e Ana Maria

  • Sabato i funerali di Riccardo Mian. A breve una perizia sull'incidente

Torna su
VeneziaToday è in caricamento