Nel locale trenta chili di alimenti scaduti, maxi multa alla titolare di un bar

Parte del cibo non era tracciabile. Sequestrata anche una tonnellata di vongole a Chioggia

All'interno del bar i carabinieri, durante un controllo, hanno trovato trenta chili di prodotti alimentari senza alcuna documentazione sulla provenienza o scaduti. Dovrà pagare una maxi sanzione di 4.800 euro la titolare di un locale di Chioggia, che nelle scorse settimane è finito nel mirino dei carabinieri che hanno eseguito una serie di verifiche sia in mare che negli esercizi commerciali finalizzate al contrasto alle violazioni in materia di pesca e commercializzazione di prodotti ittici e alimentari.

Oltre una tonnellata di vongole sequestrate 

Un pescatore chioggiotto è stato multato per 3mila euro, poiché all’interno di un magazzino e a bordo della propria auto teneva una tonnellata di vongole veraci prive del prescritto documento di accompagnamento. Inoltre, è stato sanzionato per 2mila euro un altro pescatore che nella sua barca aveva deteneva 50 chili di vongole in eccedenza rispetto al massimale del prodotto pescabile. In entrambi i casi i molluschi, sottoposti a sequestro, sono stati versati in mare per il ripristino del ciclo vitale. I controlli hanno riguardato anche il locale mercato ittico, dove un pescatore è stato multato per 1.500 euro in quanto stava per vendere 100 chili di pesce azzurro privo di documenti per la tracciabilità, e quindi sottoposto a sequestro per lo smaltimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento