Incendio colpisce una nota azienda di San Donà: pompieri scongiurano nube tossica

Le fiamme sono divampate alle 19 nei capannoni della ditta "Masarin" di Grassaga. Il traffico è stato deviato durante le lunghe operazioni dei vigili del fuoco, ancora in corso lunedì

Foto vigili del fuoco

L'incendio, i soccorsi e la grande paura per le coperture dei magazzini andati in fumo. Verso le 19 di domenica i pompieri del locale distaccamento e di Mestre sono intervenuti con ben 16 operatori e 4 automezzi, tra cui l’autoscala, per spegnere un incendio divampato in via Circogno, a San Donà di Piave.

Le fiamme hanno colpito un capannone dell'azienda Masarin di Grassaga. Verso le 19 infatti, mentre l'azienda era in chiusura domenicale, è scattato l'allarme per un'alta colonna di fumo che si sarebbe propagata proprio dai magazzini di via Circogno. Numerose le segnalazioni giunte ai vigili del fuoco, anche perché la colonna di fumo era visibile in un raggio di diversi chilometri.

L'azienda in questione è molto nota in paese e ha sede nelle immediate vicinanze di alcune abitazioni. Non appena è divampato l'incendio, però, la preoccupazione più grande è stata quella di mettere in sicurezza la copertura in eternit dei capannoni. I vigili del fuoco in pochi minuti si sono diretti sul posto con quattro automezzi e l'idroscala. Dopo aver indossato le apposite maschere d'ossigeno, i pompieri sono entrati negli stabili e, come prima azione, sono riusciti a mettere in sicurezza le coperture. Sul posto sono giunti anche i tecnici dell'Arpav per esaminare le condizioni dell'aria, oltre al sindaco Andrea Cereser. Fortunatamente però, non si sono registrati problemi per la salute pubblica. Il rogo sarebbe di natura accidentale.

Nuovo sopralluogo la mattina successiva per il sindaco accompagnato dall’assessore all’Ecologia Luca Marusso. "Le fiamme sono state spente attorno alle 4 - riferisce il sindaco - Plauso al gran lavoro dei vigili del fuoco e all’impegno delle pattuglie della polizia locale che hanno trascorso quasi tutta la notte in supporto alle operazioni di spegnimento". La polizia locale ha infatti garantito il presidio alle deviazioni del traffico necessarie per garantire la sicurezza e non arrecare intralcio alle operazioni di spegnimento. I vigili del fuoco non hanno diramato particolari disposizioni cautelative per i residenti. "Sono ancora in corso accertamenti di Arpav sulla fuga di inquinanti in atmosfera – aggiunge il sindaco – Anche in questo caso agenti della polizia locale sono a diretto contatto con i tecnici per supportarli nei campionamenti. L’amministrazione garantirà la massima informazione ai cittadini sui risultati degli accertamenti e sull’evolversi della situazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

Torna su
VeneziaToday è in caricamento