homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Amy e Nicole: il matrimonio gay celebrato con un viaggio in gondola sul Canal Grande

La wedding planner specializzata in matrimoni gay a Venezia, Emanuela, ha unito civilmente le due donne americane. La loro storia parte da Denver in Colorado e arriva in laguna

Foto Renato Canciani @RC Photo

Venezia è la città romantica per eccellenza e milioni di persone in tutto il mondo sognano di veder qui celebrato il loro amore. Alcune di loro questo sogno riescono a realizzarlo, ed è stato il caso di Amy e Nicole, due ragazze americane che, grazie a Emanuela Giangreco, la wedding planner specializzata in matrimoni gay a Venezia, sono riuscite ad esaudire il loro grande desiderio.

La cerimonia si è svolta alle ore 11.30 di sabato ed è stata celebrata proprio da Emanuela Giangreco con un viaggio in gondola. "Il matrimonio americano è un momento molto intimo in cui c'è uno scambio sincero di promesse - ha dichiarato la wedding planner - Non è una semplice lettura di codici, bensì è uno scambio reciproco e Venezia, che è la città dell'amore, non può che essere una cornice perfetta per unire la vita di due persone".

La storia di Amy e Nicole parte da Denver, in Colorado quando due anni fa le loro vite si sono incrociate. Era un periodo brutto per Amy, ma anche dai momenti peggiori può nascere qualcosa di stupendo. La ragazza era malata di tumore ed è stato proprio allora che ha conosciuto colei che sarebbe divenuta poi la donna della sua vita. Nicole è una fisioterapista e proprio in quel periodo si è presa cura di Amy. Superata la malattia le due donne hanno voluto esaudire il loro sogno e sposarsi civilmente a Venezia. "La cerimonia è stata un momento molto emozionante - ha dichiarato la wedding planner -. Il tempo è stato clemente con noi e dopo il giro in gondola siamo andati in Piazza San Marco per le foto di rito".

Per esaudire il loro sogno quindi, le due ragazze si sono rivolte alla wedding planner Emanuela, che è specializzata proprio in matrimoni gay a Venezia. "Non lo faccio a scopo di lucro - ha dichiarato - ma voglio far sì che il sogno di due persone, anche se gay, possa esaudirsi. Ben vengano quindi queste iniziative, in modo che l'opinione pubblica italiana inizi ad accettare anche l'unione tra persone dello stesso sesso. L'Italia infatti è ancora un Paese troppo retrogrado sotto questo punto di vista. Vorrei che arrivasse il messaggio che l’amore è davvero universale".

IL VIDEO DEL MATRIMONIO DI ALESSANDRO BORDONI

Amy & Nicole - wedding in Venice from Alessandro Bordoni on Vimeo.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Confermato quest'anno il Redentore diffuso: la regia della sicurezza sarà "galleggiante"

    • Cronaca

      Allarme bomba a Venezia, trolley sospetto abbandonato in centro storico

    • Politica

      Brugnaro promuove il suo primo anno di lavoro a Ca' Farsetti: "E' solo l'inizio"

    • Cronaca

      "Venezia è il mio futuro", il flash mob collettivo invade i sestieri della città

    I più letti della settimana

    • Caorle, una ragazza si toglie la vita a 23 anni. Sventato un secondo tentato suicidio

    • Picchiano i ragazzini, poi i carabinieri a Dolo: due scalmanati in manette, quattro feriti

    • "Io, giovane vedova, non ho il diritto di avere i miei due figli piccoli a carico. Che assurdità"

    • Jesolo, ubriaco e neopatentato alla guida: 20enne finisce nel Sile con l'auto

    • Non ce l'ha fatta il venditore di rose investito, è spirato in ospedale: "Non sia morto invano"

    • "Sono fortunato a essere ancora vivo: fiamme violente, fumo irrespirabile"

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento