homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pedopornografia: oltre 100 denunce in tutta Italia, "nella rete" due veneziani

L'operazione "Strike" ha portato all'arresto di otto persone e alla denuncia di altre 109 per divulgazione e detenzione di immagini illegali. Le indagini sono partite da un sito tedesco

Sono 109 le persone denunciate ritenute responsabili di divulgazione e detenzione di immagini pedopornografiche in tutta Italia. Tra queste anche alcune residenti nel Veneziano. Impressionanti i numeri dell'operazione "Strike", coordinata dalla procura di Catania, che ha portato anche all'arresto di otto persone sorprese in flagranza di reato (a Siracusa, Napoli, Firenze, Massa Carrara, Modena e Bolzano).

L'indagine, avviata nel 2010, ha visto convergere due diverse attività di contrasto del fenomeno, avvalendosi della collaborazione dell'Interpol. E' stato individuato un sito web ubicato in Germania che diffondeva immagini di pedopornografia. Attraverso questo "canale" sono stati identificati gli utenti italiani che avevano acquisito foto di pornografia minorile, sito web che in meno di due mesi aveva avuto oltre 44mila accessi nella sezione nominata 'Teen group', contenente centinaia di immagini di bambini coinvolti in atti sessuali.

Quasi contemporaneamente, per alcuni mesi, grazie anche ai colleghi tedeschi, la polizia italiana ha monitorato le tracce telematiche di utenti che sulla rete eDonkey2000 divulgavano video dal contenuto pedopornografico. E' stato utilizzato un sistema che consente di monitorare le reti e individuare coloro che diffondono determinati file. La successiva e complessa analisi dei dati informatici, condivisi dalla polizia postale con i colleghi tedeschi, ha consentito di identificare gli attuali 109 indagati italiani.

I video, alcuni dei quali di quasi trenta minuti, ritraevano bambini costretti ad atti sessuali, anche con adulti; in moltissimi casi i soggetti minori erano in età preadolescenziale. Gli arrestati detenevano, e in alcuni casi divulgavano, ingenti quantità di video illegali. In particolare, l'arrestato napoletano tra il numeroso materiale pedopornografico deteneva immagini autoprodotte raffiguranti adolescenti e minori ripresi nel bagno di casa con le parti intime scoperte, mentre espletavano attività fisiologiche.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Le devianze sessuali sono sempre esistite, purtroppo poco anzi pochissimo si fa soprattutto per controllare, prevenire, debellare questo aberrante mercato.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bimba di 2 anni travolta da un cancello, portata in ospedale in elicottero del 118

  • Politica

    "Accessi prioritari? Noi della provincia siamo trattati come dei turisti del Bangladesh"

  • Mestre

    E' scattata l'ora X per le biciclette in sosta selvaggia: strage di multe in zona stazione

  • Cronaca

    "Guerra" ai venditori abusivi, forze dell'ordine negli alloggi di Sottomarina

I più letti della settimana

  • Caorle, una ragazza si toglie la vita a 23 anni. Sventato un secondo tentato suicidio

  • Tragico incidente sulla Treviso-mare, frontale con un camper: muore sandonatese

  • Si sente male in azienda: muore tra le braccia della moglie

  • Picchiano i ragazzini, poi i carabinieri a Dolo: due scalmanati in manette, quattro feriti

  • Una delle ciclabili più belle d'Europa: torna il trenobus Dolomiti dalla laguna a Cortina

  • Jesolo, ubriaco e neopatentato alla guida: 20enne finisce nel Sile con l'auto

Torna su
VeneziaToday è in caricamento