Marcon, stanato dalla polizia 44enne con video pedopornografici

Gli agenti della polizia postale hanno perquisito l'abitazione dell'uomo, celibe e senza figli, trovando molto materiale illegale scaricato dal programma eMule

Una vasta operazione, denominata "Fabulinus", di contrasto alla pedopornografia online è stata condotta dalla polizia postale di Palermo con la supervisione del servizio di polizia postale e delle comunicazioni di Roma: sono state effettuate più di trenta perquisizioni locali, personali e informatiche, che hanno interessato tredici regioni italiane (Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sicilia, Toscana, Veneto e Puglia).

Una di queste operazioni ha interessato Marcon. Nel computer di G.M., 44enne celibe e senza figli che vive da solo, è stata trovata un'ingente quantità di file illegali. L'uomo, fino ad ora incensurato, è stato denunciato per detenzione di materiale pedopornografico. Sono state altre cinque le perquisizioni in Veneto: due hanno interessato la provincia di Padova, una quella di Rovigo, una quella di Treviso e una quella di Verona. L'uomo non è stato colto in flagranza di reato. Ora sul suo computer continueranno le analisi della polizia postale per approfondire la sua "condotta digitale": se oltre a scaricare, per esempio, mettesse in condivisione i suoi video e le sue immagini a luci rosse. Alla fine del processo che si aprirà nei suoi confronti G.M. rischia fino a tre anni di carcere.

L'operazione ha visto impegnate alcune centinaia di uomini e donne della polizia ed è stata il frutto di una complessa indagine durata un anno e mezzo, alla quale è stato dato il nome di "Fabulinus", una divinità romana protettrice dei bambini, attraverso la quale gli specialisti della polizia postale hanno individuato una rete di persone che, attraverso il programma di peer-to-peer eMule e il server eDonkey, condividevano e scaricavano materiale pedopornografico consistente in raccapriccianti video ed immagini a carattere sessuale di bambini in tenera età.

Nel corso dell'operazione sono state denunciate 31 persone, delle quali sei in stato di arresto in ragione dell'ingente quantità di materiale pedopornografico trovato nel corso delle perquisizioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento