«Affondato» il ponte di barche che collega Jesolo a Eraclea

L'ipotesi è che i galleggianti si siano danneggiati. Era stato spostato

Il ponte affondato

In questi giorni di maltempo era stato spostato proprio per ragioni di sicurezza. Forse uno dei galleggianti ha ceduto, oppure i detriti in arrivo dopo le mareggiate potrebbero averlo danneggiato. Non è chiaro, al momento, cosa sia accaduto al ponte di barche di via Massaua, che nelle scorse ore è letteralmente affondato. 

Si tratta di una struttura privata che collega Jesolo a Eraclea e che si trova all'altezza del ristorante «Al Traghetto». Era stata posizionata parellela al fiume per evitare pericoli negli ultimi giorni di forte maltempo. Una delle ipotesi è che i galleggianti che lo sostengono possano essersi danneggiati, non si esclude a causa delle migliaia di tonnellate di rifiuti, tra cui legna, che in queste ore hanno invaso le spiagge. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Perché in Italia la madre degli idioti ed ignoranti è sempre incinta. Tutto è dovuto e deve essere gratuito. Poveri noi

  • Ma vai a farti una nuotata... se il manufatto nn è pubblico, o la strada nn è pubblica, paghi. sennò la finanza sarebbe già intervenuta da anni a sanare un eventuale illecito. ma perché tanta ignoranza in giro? fa solo male

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Studente sorpreso con la droga a scuola: denunciato

  • Cronaca

    Botte alla moglie e al figlio, un uomo arrestato a Venezia

  • Mestre

    Lite davanti alla mensa: sfregia il rivale, arrestato

  • Attualità

    Anna Mior confermata presidente di ottici e optometristi veneziani

I più letti della settimana

  • Auto esce di strada e finisce contro un albero: morto il conducente

  • Eroina, quarta overdose in un mese: trovata morta una 36enne

  • Incidente in Valsugana: muore motociclista veneziano

  • Una 34enne morta all'ospedale poche ore dopo aver partorito

  • Torna l'ora legale, 60 minuti di luce in più: ecco quando spostare le lancette

  • Conto salato al momento di disdire il contratto con la compagnia telefonica: quasi 800 euro

Torna su
VeneziaToday è in caricamento