Molestie in nave da crociera, va a processo anche il comandante

Un paio d'anni fa, a bordo di una Costa crociere, una ragazzina avrebbe subito attenzioni di tipo sessuale da un cameriere contro la sua volontà

Presunta violenza sessuale, a bordo di una nave da crociera della flotta Costa: è il reato di cui dovrà rispondere un giovane cameriere di nazionalità indiana, imputato nell'udienza che si è aperta venerdì al tribunale di Venezia. E sotto accusa finisce anche il comandante della nave, reo di non aver denunciato l'accaduto, pur essendo a conoscenza dei fatti. Lo riporta il Gazzettino.

L'episodio contestato risale a un paio d'anni fa, proprio poco prima dell'arrivo della nave al porto di Venezia: il giovane avrebbe riservato delle particolari attenzioni ad una ragazza ligure, all'epoca minorenne, accarezzandola nelle parti intime contro la sua volontà. Il comandante della nave, venuto a sapere del fatto, non l'avrebbe segnalato all'autorità giudiziaria, nonostante fosse un pubblico ufficiale: è quindi accusato di falso e omessa denuncia, non avendo neppure fatto cenno all’accaduto nella relazione di fine crociera.

Ora, con il processo, la ragazza e la sua famiglia tentano di ottenere il risarcimento per i danni sofferti. Il pm ha raccolto le testimonianze della vittima della presunta violenza e di tutte le persone informate sui fatti, chiedendo il rinvio a giudizio sia del cameriere indiano sia del comandante della nave. La discussione del caso è stata rinviata al 18 maggio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente nautico al Lido, tre morti

  • Tumore del colon-retto, l'ospedale dell'Angelo una vera e propria eccellenza: i dati

  • Lite finisce nel sangue: donna accoltella un uomo in centro a Mestre

  • Un uomo trovato morto in casa per overdose

  • Incidente tra un'auto e un camion: giovane incastrato nell'abitacolo

  • Torna il maltempo, previsti temporali in tutto il Veneziano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento