Comune "assaltato" dai lavoratori, in centinaia a Ca' Farsetti VIDEO

Mercoledì pomeriggio richiesta collettiva di faccia a faccia con il sindaco sul fondo di produttività. Giovedì la protesta si sposta in Consiglio

I dipendenti comunali a Ca' Farsetti

Chiedono risposte. E le chiedono subito. Per questo motivo la partecipata assemblea dei dipendenti comunali al Teatro Malibran di mercoledì pomeriggio si è trasformata quasi in una scena già vista: in centinaia hanno infatti deciso di trasferire il dibattito direttamente a Ca' Farsetti. Perché tutti i discorsi sarebbero stati inutili senza capire quali siano le effettive intenzioni del sindaco Luigi Brugnaro. Inevitabile che la vicenda faccia tornare alla memoria l'occupazione per alcuni giorni del Comune ai tempi dell'amministrazione del commissario straordinario Vittorio Zappalorto.

Il bandolo della matassa è sempre quello, che si trascina oramai da più di un anno: il fondo per indennità e produttività di Ca' Farsetti. Ora ridotto a zero. Non solo. Come dichiarato dal primo cittadino nei giorni scorsi, a mettersi di traverso c'è anche la nuova legge di stabilità. Al suo interno una norma infatti obbliga le amministrazioni comunali a utilizzare lo stesso budget a disposizione nel 2015 per la parte variabile degli stipendi anche nel 2016. A Venezia, però, quest'ultimo non esiste. In extremis dunque l'assessore al Bilancio, Michele Zuin, ha annunciato una variazione di bilancio di un milione di euro. Cifra che non è andata giù ai rappresentanti dei lavoratori, che hanno indetto l'assemblea di mercoledì pomeriggio proprio per decidere quale linea tenere.

"Chiediamo una variazione di bilancio più rispettosa nei nostri confronti - attacca Luca Lombardo, rappresentante del Diccap - giovedì saremo in massa in Consiglio comunale. Perché i dirigenti non hanno subito alcun tipo di taglio, le risorse possono essere trovate lì". Mercoledì, dunque, è stato deciso di spostare direttamente l'intera assemblea al primo piano di Ca' Farsetti, per avere un confronto diretto con il sindaco Brugnaro. Quest'ultimo è stato avvertito mentre si trovava a Ca' Corner per discutere di Città metropolitana. In centinaia hanno raggiunto il palazzo comunale sul Canal Grande per interpellarlo sul loro futuro, dopodiché una delegazione si è spostata a Ca' Corner. Una ventina i rappresentanti che nel tardo pomeriggio sono stati ricevuti dal sindaco, il quale poi ha twittato: "Grazie alla delegazione RSU che mi ha raggiunto e con cui mi sono confrontato costruttivamente. Mi dispiace che non ci siamo ulteriori risorse per l'integrativo". Parole che non lasciano grandi speranze ai lavoratori, anche in vista del Consiglio comunale di giovedì. Sul fronte dei precari l'amministrazione intenderebbe conoscere i lavoratori uno a uno, per poi stabilire quale sia l'effettiva necessità. Non ci sarebbe comunque la volontà di licenziare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento