Asili, tema infuocato. Romor: "Famiglie soddisfatte", i genitori: "Non è vero"

L'assessore alle Politiche educative in un post aveva rivendicato risultati positivi. Padri e madri critici: "Ci sono situazioni critiche". Giordano (Cgil): "Ecco le nostre proposte"

Dopo le scintille in commissione, continua la querelle riguardante i servizi educativi a Venezia. Venerdì mattina l'assessore Paolo Romor, rispondendo alle critiche dell'opposizione su alcuni episodi in cui si sarebbero palesate delle emergenze in fatto di rapporto tra educatrici e bambini in alcune strutture veneziane, ha dichiarato che "in commissione si è parlato di un singolo episodio dell'anno scorso", che "i rapporti numerici insegnanti/bambini sono stati rispettati" e che "il servizio complessivo è stato valutato dalle famiglie con una voto in media di 8,7 (su 10)". 

Rappresentanti dei genitori critici 

Parole che hanno indotto i rappresentanti dei genitori degli asili nido a diramare una nota in cui si accolgono con "profondo disappunto" le dichiarazioni dell'assessore Romor. "Sembra dimenticarsi dell'alto numero di segnalazioni, e non solo un caso, presentate al Comune - si dichiara - proprio a causa del mancato rispetto del rapporto numerico definito dalla Regione tra bambini ed educatrici, il cui lavoro è stato premiato dai questionari di gradimento. Non certo l'amministrazione". La volontà è di ribadire la propria posizione: "L'assessore non dovrebbe permettersi di parlare a nome dei genitori - si conclude -  Tale atteggiamento manca completamente di rispetto. L'assessore elude volontariamente il fatto che l'attuale gestione dei servizi educativi lede la sicurezza dei nostri figli. Si stanno nuovamente verificando situazioni critiche, come 2 educatori con 18 bambini (tra i quali anche un bimbo di 7 mesi) in un asilo strutturato su due piani. Comune e Regione si sono incontrati a porte chiuse escludendo noi cittadini, utenti ma soprattutto genitori".

La Cgil: "Ecco le nostre proposte"

Sulla stessa lunghezza d'onda il segretario della Fp Cgil, Daniele Giordano, secondo cui "l'assessore Romor ha letto male i risultati": "L’amministrazione si contraddice da sola perché parla di “modello” quando invece ha introdotto modifiche al regolamento dei servizi educativi del Comune con un intento punitivo nei confronti delle educatrici e delle insegnanti con, ad esempio, l’aumento da 150 a 200 delle ore di non docenza e nel quale vengono legittimati gli spostamenti, esteso l’orario dei servizi senza alcuna assunzione rinunciando alla compresenza delle colleghe per attività fondamentali come quelle dei laboratori. I commenti dei genitori, che Romor nasconde - continua Giordano - dimostrano come non ci sia una condivisione sulle scelte che l’amministrazione sta attuando e anzi si chiederebbero più investimenti sul personale e sulle strutture stesse che, in molti casi a Venezia, vengono considerate inadeguate o insalubri come rilevato dall’Ulss". Il sindacato, quindi, chiede di aprire un confronto sul regolamento, ripristinare i giorni di riposo psicofisico delle educatrici e delle insegnanti durante l'anno scolastico, riunire una volta al mese il coordinamento dei Consigli di nido e dell'infanzia e rivedere il sistema di customer. "Come Cgil - conclude Giordano - siamo pronti a discutere nell'interesse della città".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

  • Trova il padre senza vita in casa

Torna su
VeneziaToday è in caricamento