La Regione dà l'ok: al via il ripascimento notturno del litorale sud di Sottomarina

I lavori inizieranno giovedì 11 luglio e continueranno all'incirca un mese, week-end esclusi. Possibili disagi sul tratto

Il sindaco di Chioggia Alessandro Ferro stamane ha firmato l'ordinanza di divieto di balneazione, nella fascia oraria dalle 21 alle 6 del mattino, per il litorale sud di Sottomarina, per permettere il corretto svolgimento del lavoro di ripascimento autorizzato dalla Regione del Veneto, mediante prelievo delle sabbie in prossimità della diga sud della bocca del porto di Chioggia e al loro trasporto e stendimento lungo l'arenile. Il divieto è in vigore da giovedì 11 luglio, per al massimo 30 giorni, nei giorni: dalla domenica sera al giovedì mattina.

I lavori

La ditta esecutrice dei lavori, che sono commissionati dalla Regione del Veneto, dovrà adottare tutti gli accorgimenti necessari al fine di impedire l'accesso a persone o cose nella predetta zona, per salvaguardarne l'incolumità, nonché ogni altra avvertenza al fine di segnalare e interdire l'area. «Queste attività di ripascimento, fortemente volute dalle associazioni turistiche balneari con cui abbiamo avuto vari colloqui – spiega il Vicesindaco e Assessore all'Ambiente Marco Veronese – sono state autorizzate ora dalla Regione Veneto. Verranno movimentati circa 20 mila metri cubi di sabbia, prelevati dalla cella di San Felice (zona diga) e trasportati di notte via gomma lungo la spiaggia, con appositi camion, per essere stesi a Sottomarina sud, all'altezza della diga soffolta. È facile immaginare che qualche disagio ci sarà e chiediamo sin d'ora la comprensione e la collaborazione di tutti».

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento