Giovane picchiato a sangue in Campo Santo Stefano: è all'ospedale

Un 28enne è ricoverato per un trauma cranico. Indagini dei carabinieri: forse una rissa

Campo Santo Stefano (foto d'archivio)

Pugni, calci, spintoni. Lo hanno fatto cadere a terra e ha battuto la testa, riportando una frattura al cranio. Un 28enne di origini albanesi lunedì pomeriggio è stato aggredito a Venezia, in Campo Santo Stefano, nelle vicinanze dell'Accademia. 

In ospedale

Il giovane è ricoverato all'ospedale Dell'Angelo di Mestre e i medici nelle prossime ore decideranno se dovrà essere operato. Secondo quanto hanno raccontato i testimoni ai carabinieri, che stanno indagando sull'episodio, ad aggredirlo sarebbero state quattro o cinque persone. Non si tratterebbe della baby gang già protagonista di vari pestaggi e rapine tra Venezia e Mestre, ma di un gruppo di uomini che non è escluso che la vittima conoscesse. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

I militari stanno setacciando le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza dell'area e nei prossimi giorni, quando starà meglio, sentiranno la versione della vittima, che potrebbe aiutarli a ricostruire i fatti e a comprendere se si sia trattato di una rissa o di una vera e propria aggressione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento