Esce per andare a scuola e scompare a 13 anni: «Aiutateci a trovare Carlotta»

Disperato appello della famiglia. Se ne sono perse le tracce nel tragitto tra Vigonza e Mirano. Due notti senza dare notizie, poi la ragazzina è stata rintracciata a Jesolo

Ore di angoscia a Vigonza (Padova) per la scomparsa di Carlotta M., 13enne scomparsa mercoledì mattina nel tragitto tra casa e scuola. La famiglia, attraverso la zia, chiede di diramare un appello per ritrovarla. La ragazzina è stata rintracciata venerdì mattina al porto di Jesolo.

Carlotta ritrovata nella barca dei genitori, sta bene

L'identikit

Mercoledì mattina la ragazzina, come ogni giorno, è uscita dalla casa di Vigonza dove vive con i genitori e la sorella. Il padre l'ha accompagnata a Santa Maria di Sala alla fermata dell'autobus che l'avrebbe dovuta portare in un istituto di Mirano, dove frequenta la prima superiore da pochi mesi. Indossava un bomber nero, scarpe Puma nere, uno zainetto nero e azzurro. La 13enne è certamente salita sul pullmann, ma da quel momento di lei si sono perse le tracce. L'altra unica certezza è che Carlotta a scuola non è mai entrata: compagni e insegnanti non l'hanno vista in classe, tanto che l'assenza è stata segnalata sul registro elettronico.

Gli appelli e gli avvistamenti

Ore dopo, non vedendola rientrare, è proprio sul registro online della scuola che la famiglia ha avuto la conferma della sparizione. Immediata la corsa a Mirano, purtroppo senza ottenere informazioni utili. I familiari hanno diramato un appello diventato virale in poche ore e sporto denuncia alla caserma dei carabinieri di Pionca che hanno attivato le ricerche. Nella giornata di mercoledì ci sono state alcune segnalazioni tra Mestre e il centro commerciale Nave de Vero, ma le verifiche sul posto non hanno dato esito. Poi un'altra soffiata, secondo cui la ragazzina si sarebbe diretta a Padova, anche questa tutta da verificare. Pare che prima della scomparsa abbia preso da casa qualche banconota il che, se confermato, avvalorerebbe la tesi dell'allonanamento volontario.

Lo strazio della famiglia

«Siamo disperati» racconta la zia «Potrebbe aver proseguito la corsa in bus verso Venezia, essere andata a Padova o chissà dove». La giovane non ha con sé il cellulare, quindi contattarla è impossibile. Nessun problema a scuola nè in famiglia secondo i parenti, nessuna amicizia strana. A inizio settembre il nonno di Carlotta, Mauro, 74 anni, è rimasto vittima di un incidente tra Noventa e Stra. «Non ha Facebook o altri social» prosegue la zia «Frequentava da pochi mesi la nuova scuola quindi non aveva una compagnia di amici fissa e nemmeno a Vigonza aveva frequentazioni sospette. Esce poco, non abbiamo idea di cosa possa essere successo». L'angoscia aumenta con il passare delle ore, soprattutto con l'avvicinarsi della seconda notte passata fuori casa: «È un mistero dove possa essersi rifugiata con questo freddo» conclude la parente «Se qualcuno la sta coprendo, deve rendersi conto della gravità delle sue azioni».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    A terra dopo la lite violenta, morto un 79enne

  • Cronaca

    Lutto a Martellago e nel Veneziano per la morte improvvisa di Andrea Priviero

  • Sport

    Varese la spunta, la Reyer rallenta ma resta seconda in classifica: il report del match

  • Cronaca

    Si accende la scritta "Jesolo" tricolore, il benvenuto agli ospiti con tanto di location per i "selfie"

I più letti della settimana

  • Contromano sulla bretella dell'aeroporto, schianto frontale: grave una donna

  • Incidente in A4 direzione Venezia, morto un 39enne di Noventa di Piave

  • Accompagna il figlio all'asilo, poi scompare nel nulla: ritrovato a Venezia

  • Lutto a Martellago e nel Veneziano per la morte improvvisa di Andrea Priviero

  • Carlotta è stata trovata: era nella barca dei genitori al porto di Jesolo

  • Trovato morto in casa dalla mamma: è overdose

Torna su
VeneziaToday è in caricamento