Sparisce e si inventa un rapimento: "Terrore per le ire della fidanzata"

Un 34enne di Portogruaro alle 19.30 di ieri ha denunciato il suo sequestro ai carabinieri. Peccato che fosse tutto falso. Durante la sua "prigionia" aveva avuto il tempo di giocare al lotto

La paura di una reazione "scomposta" della convivente lo ha portato a inventarsi un rapimento con "scambio" di persona e una detenzione in una stalla per tre giorni. In verità un 34enne di Portogruaro, venditore ambulante, non aveva subito niente di tutto ciò. Anzi, al posto della sofferenza di una reclusione, si sarebbe dato alla pazza gioia scialacquando tutti i soldi di cui era in possesso.

Verso le 19.30 di ieri, di fronte alla storia raccontata dall'uomo, i carabinieri hanno subito capito che qualcosa non andava. Il 34enne ha dichiarato ai militari che sabato sera tre stranieri armati, forse dall'accento albanese, lo avevano fermato mentre stava parcheggiando il suo furgone sotto casa e lo avevano rapito, portandolo, sempre a bordo del veicolo, in una stalla dove sarebbe rimasto segregato fino al tardo pomeriggio di ieri. Poi la libertà, dettata dal fatto che i malviventi si erano accorti di avere sbagliato obiettivo. Non dovevano sequestrare lui. Scusandosi per l'accaduto e requisendogli soldi e cellulare, lo avrebbero quindi portato al cimitero di Concordia Sagittaria e lasciato libero.

Una balla. Anche perché i carabinieri non ci hanno messo molto a scoprire da alcuni testimoni che il 34enne aveva invece giocato più volte al lotto in alcune ricevitorie di Portogruaro nel suo periodo di detenzione. Messo alle strette, l'uomo, con qualche precedente per assegni falsi e stupefacenti, ha quindi vuotato il sacco: non era vero nulla. Semplicemente la paura della reazione della convivente lo aveva spinto a inventarsi rapimento e liberazione. Il cellulare in ogni caso è sparito, e suona spento. Il falso rapito non si ricorderebbe dove l'avrebbe lasciato, in un weekend "lungo" in cui sono tante le cose che dovrà ricostruire e spiegare. Ma non agli agenti, alla compagna. L'uomo è stato denunciato per simulazione di reato e rischia pene abbastanza alte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento