Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

Gli agenti della locale lo hanno sorpreso appartato all'interno della sua auto mentre era in intimità con il suo passeggero. Per paura che la consorte venisse a sapere della scappatella non ha avuto problemi a tirar fuori il bancomat e pagare

Si era appartato in auto con un transessuale in una laterale della strada Regionale 11 verso Verona, senza sapere di essere controllato dalla polizia locale dei Castelli (Vicenza). Gli agenti di pattuglia, che conoscevano bene le zone di "lavoro" della prostituzione, verso le 22.30 dello scorso venerdì hanno fermato il cliente mentre era in intimità con il suo passeggero. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Non ditelo a mia moglie»

Per paura che la moglie venisse a conoscenza della sua avventura, il conducente della vettura, un veneziano di 54 anni, ha pagato immediatamente con il bancomat la sanzione di 500 euro, pregando gli agenti di non dire nulla alla consorte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • Un nuovo sistema di prenotazione nell'Ulss 3: non è più l’utente che chiama il Cup, ma viceversa

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento