Eccezionale intervento chirurgico a Portogruaro: operato un tumore alla gola con gli ultrasuoni

La tecnica innovativa è denominata TOUSS, acronimo di “Transoral Ultrasonic Surgery” cioè Chirurgia Ultrasonica Transorale ed è stata utilizzata dal dottor Abramo

Da qualche anno la chirurgia oncologica si evolve e si indirizza sempre più verso interventi mininvasivi che, pur mantenendo le sicurezze terapeutiche di quelli tradizionali,  sono causa di minori disagi e sofferenze per i pazienti. Nei casi di tumore della bocca, della faringe e della laringe questa evoluzione è più che mai auspicata per l’impatto che può avere sulla persona anche dal punto di vista estetico.

L'operazione

L’Otorinolaringoiatria (ORL) della ULSS 4 guarda al futuro e ha prontamente intrapreso questa strada. L’esempio tangibile è di pochi girono fa. Lunedì scorso all’ospedale di Portogruaro una paziente affetta da un tumore faringolaringeo (alla gola) è stata operata con la tecnica innovativa denominata TOUSS, acronimo di “Transoral Ultrasonic Surgery” cioè Chirurgia Ultrasonica Transorale. All’atto pratico, usando un particolare apribocca/divaricatore e una telecamera,  il primario dell’ORL Alessandro Abramo, e il dottor Andrea Zani, sono arrivati alla neoplasia attraverso la bocca e l’hanno asportarla completamente avvalendosi di una nuovissima pinza/forbice a ultrasuoni che taglia e coagula contemporaneamente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Risultato

«L’alternativa a questa tecnica -  spiega il dottor Abramo -  sarebbe stato  il tradizionale intervento per via esterna, cioè passando attraverso il collo, con un trauma operatorio molto maggiore e con la necessità di una tracheotomia che avrebbero inevitabilmente prodotto un periodo prolungato di degenza, tempi decisamente più lunghi di recupero, di ripresa della deglutizione e della fonazione. Nel giro visite fatto il giorno dopo l’intervento – aggiunge il dottor Abramo - ho trovato la paziente già a passeggio nel corridoio del reparto: con l’intervento tradizionale sarebbe stata invece ricoverata nella terapia intensiva postoperatoria». La novità è stata accolta con soddisfazione anche dal direttore generale dell’Ulss4, Carlo Bramezza: «Congratulazioni al dottor Abramo e a tutto il suo staff. L’attività chirurgica in questa azienda continua a dare soddisfazioni sia dal punto di vista qualitativo che della produzione, in quanto il numero degli interventi chirurgici è in costante aumento e ciò significa dare una più efficace ed ampia risposta ai bisogni alla popolazione. All'ospedale di Portogruaro verrà installata inoltre una nuova apparecchiatura per migliorare ancor di più l’attività chirurgica, i dettagli verranno forniti nei prossimi giorni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento