Veritas prende posizione sulle interrogazioni 5 Stelle: «Si basano su informazioni inesatte»

Nel mirino del consigliere Scano la mancata rotazione del personale dirigente della partecipata, su cui si è espressa anche Sambo, e due licenziamenti del 2018

Foto: Veritas

Le reazioni alle interrogazioni presentate dal capogruppo 5 Stelle in Consiglio comunale, Davide Scano, arrivano dall'azienda Veritas il giorno dopo, innanzitutto sui lavoratori licenziati nel 2018 dalla società, che sarebbero poi stati rimessi al loro posto dal giudice. Al riguardo Veritas spiega: «Il reintegro è avvenuto in un solo caso ed è bene chiarire che si tratta di spiacevoli casi di contenzioso che purtroppo possono insorgere in tutte le organizzazioni aziendali». 

Licenziamenti

Si ritiene però indicativo considerare che i casi nominati da Scano si riferiscono a persone che da molto tempo hanno sospesi con l'azienda e con i colleghi di lavoro e che rappresentano i cosiddetti casi “patologici ambientali”, fortunatamente limitati per essere una grande azienda. Pare corretto rammentare che Veritas conta circa 3000 dipendenti e che i contenziosi nelle aule giudiziarie sono solo 15, 8 dei quali attivati - per svariati motivi - da due dei lavoratori citati dal consigliere. La società, dal 2007 (anno di costituzione di Veritas) ha dovuto fronteggiare positivamente 118 cause di lavoro, di cui solo 15 derivanti da licenziamenti disciplinari. Allo stato, due delle controversie in materia disciplinare sono in corso e solo in un caso il giudice del Lavoro ha disposto la reintegra».

Registrazioni audio

C'è poi il tema delle registrazioni audio, che sarebbero quelle, ha spiegato Davide Scano «con cui i dipendenti si sono difesi in giudizio. Per noi è grave che direttore Razzini abbia messo divieto di resgistrazioni audio come risposte alle sentenze del tribunale del Lavoro». «Nessuno può evitare che una persona registri le conversazioni per difendere i propri diritti - dice Veritas - e certo di questo non si discute purché sia producibile in giudizio qualora lo ritenga ammissibile anche il giudice. In una recente ordinanza è stato però lo stesso giudice a decretare inammissibile la prova di una registrazione intervenuta a opera di un dipendente diverso rispetto al ricorrente, ovvero terza parte nelle circostanze. Purtroppo la moda/mania di registrare e fotografare ogni cosa o persona e di usarne dialoghi e immagini in maniera strumentale è una prassi negativa che la circolare interna tende a combattere, soprattutto per i rapporti tra colleghi, in quanto le registrazioni, soprattutto se “occulte”, possono generare un negativo clima di lavoro nonché ledere la privacy delle persone».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rotazioni

Ultima richiesta del consigliere 5 Stelle riguardava le rotazioni del personale dirigente. Scano afferma: «La dirigente è lì da 20 anni. Non capiamo come mai non sia stato osservato il principio di rotazione della responsabile personale». «Il direttore del personale - scrive Veritas - è tale solo dal 2007, risponde a criteri di professionalità e porta i risultati che concorrono a fare di Veritas una azienda efficiente e una organizzazione funzionante ogni giorno, infatti la stragrande maggioranza dei lavoratori e dei dirigenti della società sono impegnati per svolgere al meglio i servizi pubblici e quando occorre difendere anche i diritti della società. La “criticata” quanto importante funzione aziendale, che è svolta da una capace dirigente donna, dà risposte quotidiane ed è rispettosa dei regolamenti aziendali e agisce in difesa dell’azienda e dei valori e degli obiettivi dell'azienda -. Quanto alle relazioni industriali, Veritas sottolinea -: non rappresentano il clima di lavoro interno o che viene dipinto da quei rappresentanti sindacali che si dimostrano sempre pronti a colpire l’azienda. Le critiche appaiono come un'interferenza di rappresentanti sindacali che hanno accusato l’azienda di atteggiamenti padronali e che stanno esercitando pressione sulle persone che lavorano».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento