Niente rinnovo del contratto Energia Petrolio, sciopero più vicino nel Veneziano

Sindacati: «L'interruzione delle trattative ha conseguenze negative sulle retribuzioni». Annunciato lo stop di straordinari e flessibilità. Assemblee e mobilitazione nei luoghi di lavoro

Porto Marghera, foto d'archivio

«Se il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro del settore energia e petrolio resta bloccato, ci sono conseguenze sulle retribuzioni dei dipendenti», questa la conclusione del coordinamento dei delegati Filctem Cgil del settore Energia Petrolio del Veneziano, che si è riunito il 31 luglio scorso. Il contratto del settore, nella parte sia normativa che economica, è scaduto a fine 2018. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proposte inferiori alle richieste

«Il coordinamento condivide l'analisi e la denuncia delle segreterie nazionali e della delegazione trattante, e ribadisce la volontà di inasprire la contrapposizione attraverso la sospensione delle relazioni industriali, il blocco degli straordinari e degli orari flessibili, le assemblee, e le comunicazioni mediatiche per il comportamento delle controparti. Inoltre, ha deciso di mettere in evidenza i risultati economici delle aziende del settore, per meglio spiegare il malcontento, a fronte di proposte di rinnovo economiche al di sotto delle rivendicazioni sindacali. Nei prossimi giorni partirà una campagna di informazioni sullo stato di salute delle aziende e dei gruppi del settore che insistono nel territorio veneziano». Sempre più forte l'intenzione di proclamare lo sciopero generale e forme di mobilitazione, in vista dell'assemblea prevista a Roma il prossimo 3 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento