Ditec spa, incontro a Roma per salvare i 90 posti di lavoro a rischio

L'assessore provinciale al Lavoro Paolino D'Anna porterà sul tavolo del ministero dello Sviluppo economico il dossier sulla situazione dell'azienda di Quarto d'Altino

Lunedì 9 gennaio alle 16 a Roma nella sede del ministero dello Sviluppo economico in via Molise 2, l’assessore provinciale al Lavoro Paolino D’Anna parteciperà all’incontro riguardante il futuro dell’azienda Ditec spa di Quarto d’Altino.
 
La Ditec di Quarto d’Altino è un’azienda nota per la realizzazione di porte e cancelli automatici, acquisita nel 2009 dalla multinazionale svedese Assa Abloy. Il 6 dicembre scorso la proprietà ha comunicato ai dipendenti  la volontà di trasferire la produzione in Cina e nella Repubblica Ceca, presentando un piano di ridimensionamento riguardante 90 persone.
 
Nei giorni scorsi sulla Ditec si è espressa la presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto, a difesa dell’occupazione e della qualità del lavoro dell’azienda che è in attivo, e  l’assessore D’Anna ha incontrato nella sede di Mestre al Centro Servizi le organizzazioni sindacali e i dipendenti dell’azienda altinate, per individuare alcune possibili soluzioni e mantenere la produzione della prestigiosa azienda nel territorio veneziano.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Sport

      Insulti razzisti contro il calciatore avversario, tifoso viene allontanato dallo stadio a Dolo

    • Incidenti stradali

      Rallentamenti sul Ponte della Libertà lunedì: autobus in avaria e tram bloccato dietro

    • Cronaca

      Abbracci gratis sul Ponte di Calatrava

    • Cronaca

      L'omicidio di Pionca, l'ipotesi: vittima picchiata a sangue per uno sgarro o per un debito?

    I più letti della settimana

    • I separatisti esultano: arriva l'Ok dal Consiglio regionale al referendum Venezia-Mestre

    • Referendum, separatisti si scagliano contro Brugnaro. I Democratici in ordine sparso

      Torna su
      VeneziaToday è in caricamento