Campalto, Pd e M5s: "Niente autobus e disagi per i residenti. Il sindaco ci dia ascolto"

Protesta lunedì dei residenti del Villaggio Laguna: "Servono collegamenti con l’ospedale dell’Angelo, via Cappuccina e la stazione. Raccolte quasi 700 firme"

Quasi 700 firme raccolte per chiedere che i residenti del Villaggio Laguna, a Campalto, non vengano abbandonati. Ma invano. A sostenerlo, assieme ai cittadini scesi in strada lunedì mattina, il Pd e il M5S, che al sindaco hanno chiesto di nuovo di collegare l'area all'ospedale dell'Angelo, al distretto socio-sanitario di via Cappuccina e alla stazione.

Richieste già presentate

"Nonostante le mozioni presentate e le petizioni dei cittadini, la situazione è immobile - scrive  Alessandro Baglioni, capogruppo Pd della Municipalità di Favaro -. Auspico che il sindaco e l’assessore Renato Boraso cambino atteggiamento e comincino ad affrontare queste problematiche. E’ inaccettabile che il primo cittadino Luigi Brugnaro non abbia nemmeno risposto, nonostante fosse obbligato a farlo entro 30 giorni. Sono state fatte molte proposte (ripristinare il capolinea del 9 in stazione, spostare al Villaggio Laguna il capolinea della linea 13, far passare un collegamento con viale San Marco, istituire una navetta per l’ospedale e altre), e l’assessore Boraso si era impegnato a valutare il tutto alla fine della sperimentazione delle nuove linee, a fine ottobre. Poi il silenzio".

La rabbia dei cittadini

"La manifestazione è stata promossa per chiedere con forza risposte e, almeno, di essere ascoltati - scrive la consigliera comunale Monica Sambo del Pd -. Non è accettabile che vengano fatti girare autobus vuoti (i nuovi notturni sono emblematici) e che non vengano prese in considerazione le esigenze di una frazione popolosa come quella del Villaggio Laguna. In Consiglio Comunale abbiamo fatto proposte anche a costo zero, che puntavano ad eliminare gli sprechi e utilizzare i risparmi per risolvere queste problematiche. Basterebbe ridurre la frequenza del tram nelle ore serali a 12 o 15 minuti per ricavare le risorse necessarie ai nuovi collegamenti, o rivedere i nuovi collegamenti notturni che in alcuni casi girano vuoti. Nonostante la proposta sia depositata da un anno, è tutto fermo. Mentre le carte continuano a prendere polvere, i mezzi girano senza passeggeri e la popolazione subisce i disagi"

"La petizione con 687 firme apposte in calce è stata valutata valida e senza irregolarità dall'ufficio affari istituzionali del Comune - afferma Elena La Rocca, consigliera comunale del Movimento 5 Stelle -. È stata inviata al sindaco, alla dirigenza Actv e all'assessore alla mobilità, Boraso, ma non è stata degnata di risposta. I residenti sono scesi in piazza per dire "Stop" a questa mancanza di considerazione, certi che una mobilitazione, portata anche all'attenzione dei media, sia una strada per far sentire la propria voce".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento