Il manager Andrea Rogg si dimette: non sarà più il CEO del Venezia Calcio

Il saluto a tutto lo staff e tifosi: «Un ringraziamento enorme al presidente Tacopina»

Andrea Rogg si dimette: non sarà più il CEO del Venezia Calcio. Il club nelle score ore ha comunicato di aver accettato le dimissioni del manager che ha deciso di iniziare una nuova sfida professionale.

Il commiato

Questo è il saluto di Andrea Rogg: «Un ringraziamento enorme al presidente Tacopina per avermi permesso di vivere due anni ricchi di emozioni in un Club unico per qualità professionali ed umane e per avermi adesso permesso di lanciarmi in una nuova sfida professionale. Grazie Joe. Un abbraccio ed un ringraziamento a tutti i colleghi: abbiamo lavorato duramente, gioito, sofferto, ci siamo disperati e poi siamo risorti, sempre uniti. Grazie a tutti i giocatori, a tutti gli staff tecnici, medici e di assistenza con cui ho lavorato in questi anni e grazie ai nostri tifosi. Vi voglio bene e vi auguro il meglio. Forza Leoni!».

Il saluto del presidente Tacopina

Arriva pronta dagli Stati Uniti il saluto di risposta del presidente Joe Tacopina: «Voglio ringraziare Andrea per la dedizione e la professionalità che ha dimostrato in questi due anni in cui ha lavorato per il Venezia FC contribuendo a far crescere il club. Nel tempo in cui abbiamo lavorato insieme ho avuto anche modo di apprezzarne le qualità umane, la sua umiltà e la lealtà, caratteristiche che ricerco sempre in tutti i miei manager. Per questo gli auguro un futuro ricco di nuove soddisfazioni personali e professionali.»

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

  • Barca finisce in secca, volo dell'elicottero per recuperare quattro persone

  • Schianto fra 3 veicoli all'incrocio: un ferito grave

Torna su
VeneziaToday è in caricamento