Mazzon "l'americano": "Andare negli Usa e poi vedere il Taliercio fa rabbia"

L'allenatore in un'intervista concessa a Il Gazzettino spiega gli obiettivi della nuova stagione: "Puntiamo a migliorarci, anche se non è detto che a nomi altisonanti corrisponda un progresso"

Lunedì la presentazione ufficiale della squadra al Taliercio, quando inizierà ufficialmente la nuova stagione della Reyer Venezia. Il primo obiettivo? Iniziarla nel palazzetto mestrino, se il cronoprogramma dei lavori di adeguamento della struttura saranno rispettati. "Vogliamo tornare a casa - ha affermato coach Andrea Mazzon al Gazzettino - Però girare gli impianti americani e poi trovare palasport come il nostro fa un po' rabbia". L'allenatore orogranata è consapevole che in Italia la situazione impianti è ben diversa, però sa anche che Venezia da questo punto di vista può considerarsi "un'isola felice", perché il progetto Reyer ha comunque prospettive di crescita nel breve periodo. "L'impegno di tutti è altissimo. E quanto il presidente sta facendo è ammirevole - afferma - Non so se, al loro posto, avrei la stessa determinazione".

Ma poi la stagione si gioca sul parquet, e almeno sulla carta la squadra veneziana si è rinforzata, con gli acquisti di Eric Williams, Ivan Zoroski e Yakhouba Diawara. Poi c'è il giovane Candussi: "Per lui e Pipitone l'esempio deve essere Magro - spiega Mazzon - Dalla A Dilettanti alla Nazionale, ora in panchina al fianco di Gallinari. Ha saputo lavorare duro, fidarsi dello staff. Per i nuovi non diamo per scontato che a nomi altisonanti corrisponda un miglioramento. L'obiettivo è provare a migliorare, ma ci riusciremo solo col lavoro. Sarebbe ridicolo dire che la Reyer deve salvarsi, puntiamo a migliorarci magari senza gli infortuni nel finale dell'anno scorso".

L'allenatore però non dimentica chi ha avuto un ruolo importante nella cavalcata della Reyer fino alla massima serie, ringraziando Causin, Slay, Bryan, Meini e Allegretti per tutto quello che hanno fatto. Ma per chi se ne va, magari con qualche piccola polemica, c'è un coach che resta con un contratto pluriennale, e per un giramondo come Andrea Mazzon è una novità: "Per un po' mi avrete qui - dichiara l'allenatore - Si sta facendo qualcosa di veramente importante con serietà, abnegazione e privilegiando i fatti alle parole. C'è un proverbio veneziano: 'Prima de parlar, tasi'. Rispecchia l'Umana Rever. In un periodo difficile, la proprietà del presidente Brugnaro è una fortuna".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Città a misura di disabile, Venezia tra i fanalini di coda: "Serve percorso studiato di rampe"

    • Cronaca

      Pessimo biglietto da visita: arrivano in treno a Venezia, derubati di gioielli per 60mila euro

    • Cronaca

      Terremoto sui dipendenti Mantovani dopo la cassa integrazione: "Piano da 170 esuberi"

    • Cronaca

      Si getta da 5 metri d'altezza per fuggire dai carabinieri, dopo il volo finisce all'ospedale

    I più letti della settimana

    • Polemiche dopo la serata dei 10 anni: "Reyer Venezia Mestre? Cancellata la nostra storia"

    • Il Venezia non si ferma più: vince al Penzo contro il Lumezzane e vola in classifica

    • Roma out, Brugnaro ha pensato a Venezia olimpica: ma i termini sono scaduti

    • Dopo i successi brasiliani, il rientro a casa: Bebe accolta da una folla al Marco Polo

    • ChioggiaVela, via alle regate: c'è il "mitico" Moro con l'olimpionica Silvia Zennaro

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento