Reyer imprendibile, contro Brescia mette il turbo: è già qualificata alle Final 8 di coppa

Sesta vittoria di fila in campionato per l'Umana Reyer che piega un'ostica Germani Brescia 78-70 e conquista con tre turni d'anticipo la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia

Un momento del match

Sesta vittoria di fila in campionato per l’Umana Reyer che piega un’ostica Germani Brescia 78-70 e conquista con tre turni d’anticipo la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia.

E’ Bramos, sia in difesa che in attacco, l’orogranata più ispirato in avvio di partita. Le triple del greco, spesso costruite con la circolazione veloce dell’attacco veneziano, valgono prima il 7-4 (al 3’), poi il 12-8 (al 6’). L’Umana Reyer conduce per 7’, quando tre triple consecutive di Brescia valgono il primo sorpasso e il 12-17 poi. Cinque punti di Ejim in 40” riportano la situazione in parità (17-17) all’8’, anche se gli ospiti chiudono avanti i primi 10’ sul 21-24.

Le percentuali delle due squadre si abbassano in avvio di secondo quarto, con Brescia che torna due volte (sul 21-26 in apertura di periodo e sul 25-30 al 14’30”) a toccare il massimo margine. La difesa a zona della Germani contiene bene gli attacchi orogranata (e, nel frangente, arriva anche, al 16’30”, il terzo fallo di Hagins). Ma, appena l’Umana Reyer ritrova la mira, le triple di McGee e quella di Ejim ristabiliscono la parità a quota 36 al 18’. Un libero del canadese riporta subito dopo la squadra di De Raffaele avanti, anche se, all’intervallo, è perfetto equilibrio: 39-39 dopo l’ultimo canestro di Peric.

L’Umana Reyer sposta l’inerzia dalla sua parte al ritorno in campo dagli spogliatoi. Con una grande intensità difensiva, per giunta senza spendere falli (appena due a fine quarto), gli orogranata toccano il +8 (52-44) al 23’30”. La partita vede in campo molto agonismo, anche se poca lucidità. Per quasi tre minuti la squadra di De Raffaele non segna e Brescia si riavvicina fino al 52-49 al 26’. Nel finale, però, l’Umana Reyer ritrova anche la giusta circolazione offensiva e due triple consecutive di Viggiano, l’ultima a 2” dall’intervallo breve, riscrivono il massimo vantaggio sul 62-53.

Una nuova amnesia offensiva degli orogranata consente a Brescia di riavvicinarsi ancora una volta fino a -3 (62-59) in avvio di ultimo quarto, ma l’Umana Reyer riesce anche in questo caso a rispondere al rientro ospite con la reattività ed è 69-61 al 34’. La Germani continua a difendere a zona, consentendo agli orogranata di iniziare a giocare anche con il cronometro, gestendo palla con cambi di lato e arrivando al tiro solo nei secondi finali. L’ultimo tentativo di rientro ospite porta al 72-68 al 37’30” poi le triple di Bramos e Filloy danno addirittura il vantaggio in doppia cifra al 38’30” (78-70), con i recuperi palla finali che sigillano la vittoria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Scorzè: camionista investito e ucciso nella notte

  • Truffatore online per anni, lo vanno a prendere nel suo appartamento

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Scoperta a rubare vestiti, aggredisce il direttore e gli punta le forbici in faccia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento