Discarica a cielo aperto a Castello, Veritas bacchetta i “furbetti”

La multiutility ha sgomberato una montagna di rifiuti abbandonati in campiello del Forner e ha spronato i cittadini a segnalare altre discariche

I rifiuti in Campiello del Forner

Discariche a cielo aperto, naturalmente abusive. Non è una novità che a macchia di leopardo i sestieri di Venezia vengano utilizzati come una pattumiera da “furbetti” e maleducati che non hanno a cuore il decoro della città. L’ultimo episodio ha riguardato campiello del Forner a Castello, dove ignoti hanno abbandonato circa sei metri cubi di materiali vari, tra i quali mobili e cartoni, accanto a un muretto. In altre parole una montagna di rifiuti che gli addetti di Veritas hanno provveduto a sgomberare, contattando subito i propri ispettori per individuare il colpevole. Se verrà scoperto saranno guai per il suo portafoglio, viste le multe salate che potrebbe vedersi appioppare.

RIFIUTI OVUNQUE, VERITAS DIFENDE IL SUO OPERATO

SOLDI COMUNI. La stessa multiutility del Veneziano ha invitato i cittadini, attraverso una nota ufficiale, a segnalare eventuali discariche abusive ricordando che lo scorso anno è stato speso oltre un milione e mezzo di euro per raccogliere rifiuti abbandonati ed eliminare discariche abusive.  "Soldi che - precisano - finiscono in bolletta, quindi a carico dell’intera comunità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

  • Trova il padre senza vita in casa

  • Scomparso da tre giorni, trovato nel canale senza vita

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

Torna su
VeneziaToday è in caricamento