Con i panevin veneziani non solo le faville si alzano in cielo: anche il pm10 si impenna

A partire dalle 18 di venerdì tutte le centraline Arpav hanno registrato un sensibile incremento delle polveri sottili. Alle 22 a Mestre erano tutte già molto oltre il limite

Foto di Luca Zausa

Non solo le faville si sono alzate al cielo venerdì sera. Anche il pm10 ha vissuto immancabilmente un picco evidente in una giornata, quella di venerdì, che, secondo i dati Arpav, era piuttosto "tranquilla" da questo punto di vista. Nel pomeriggio, infatti, la qualità dell'aria era ottima tra Mestre e Venezia, tanto da risultare ampiamente sotto la fatidica soglia di 50 microgrammi per metro cubo indicata come limite di legge dall'Unione Europea.

A partire dal tardo pomeriggio, in contemporanea con l'accensione dei primi panevin, le centraline mestrine e veneziane hanno subito cambiato il trend. In via Tagliamento, per esempio, alle 18 si registravano 13 migrogrammi per metro cubo di pm10, due ore più tardi si era già giunti a 33. Alle 22, poi, i grafici mostrano livelli già superiori alla norma: 88 microgrammi. Il picco lo si è raggiunto di notte: alle 24 e alle 2 di sabato si sono raggiunti i 125 microgrammi per metro cubo per poi ricominciare a calare a 99 e 75 tra le 4 e le 6 di mattina. Valori comunque superiori ai 50 indicati da Bruxelles. Naturalmente si tratta di dati pubblicati "in diretta", dunque dovranno essere validati dall'Arpav per essere inseriti nei bollettini ufficiali.

pm10 via beccaria-2

Il fenomeno, però, è chiaro. Tanto più che tutte le centraline mostrano trend simili. Analizzando quella di via Beccaria a Marghera, per esempio, si passa da un minimo di 15 microgrammi per metro cubo alle 16 di venerdì fino a un massimo di 98 alle 2 di sabato mattina. Alle 20 si era già a 47 e alle 22 si era oltre la norma, con 92. Sabato mattina, tra le 6 e le 8, comunque il pm10 era superiore ai 50 microgrammi per metro cubo (54 e 56 alle 6 e le 8). Questo andamento fortemente discontinuo (durante gran parte della giornata dell'Epifania livelli molto bassi poi "esplosi" con i panevin) ha determinato medie giornaliere di pm10 non troppo elevate: le stesse due centraline analizzate si fermano a 52 microgrammi per metro cubo in via Tagliamento e a 43 microgrammi per metro cubo in via Beccaria.

La centralina del parco Bissuola ha raggiunto il picco in contemporanea con le altre stazioni Arpav (alle 2 di notte, 81 microgrammi) iniziando la risalita sempre verso le 18 di venerdì. Anche in questo caso la media giornaliera è meno elevata, con 42 microgrammi per metro cubo. A Sacca Fisola, in laguna, i livelli medi si sono mantenuti sensibilmente più bassi: solo 16 microgrammi per metro cubo di pm10.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

pm 10 via bissuola-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento