All'Accademia tornano "lucchetti dell'amore" e venditori abusivi

Sulle ringhiere di ferro si moltiplicano già i "pegni di fedeltà", venduti poco distante da ambulanti clandestini. E la primavera è appena iniziata

Chi avesse bisogno di un lucchetto, a Venezia, non ha più bisogno di andare dal ferramenta, professione ormai a rischio di scomparsa; chiavistelli e serrature sono in vendita anche ai piedi del ponte dell'Accademia e, se si è in dolce compagnia, non bisogna neppure fare la fatica di cercare il venditore, dato che con ogni probabilità sarà lui a proporvi l'affare: con una manciata di euro (da due a sette, di solito, a seconda della dimensione) si ottiene il lucchetto, le chiavi e, si è fortunati, anche il pennarello indelebile per scriverci sopra.

Con i primi weekend di primavera baciati dal sole, insomma, sul ponte di legno del Canal Grande sono ricomparsi gli abusivi a caccia di coppiette, ragazzini che pensano di rappresentare il loro “amore indissolubile” agganciando un pezzo di ferro alle ringhiere e lanciandone poi le chiavi in acqua. La verità, però, è ben diversa: quei “simboli d'amore” rischiano infatti di danneggiare la struttura del ponte a lungo andare, diventando portatori di ruggine e corrosione, e il Comune è quindi costretto a sborsare euro sonanti per rimuovere periodicamente i lucchetti, senza contare i rischi per le barche (in più di un'occasione i frammenti di acciaio hanno colpito i gondolieri di passaggio) o l'abitudine di qualche profittatore di staccare tutto nottetempo per poi rivendere il materiale a peso. Eppure, nonostante tutto questo, i venditori clandestini continuano senza vergogna ad approcciare i fidanzatini che passano per l'Accademia.

L'anno scorso il Comune ha valutato le diverse modalità d'intervento, tra servizi di vigilanza, telecamere o operazioni di rimozione, ma ad oggi gli abusivi si sono rivelati più veloci: al primo caldo della stagione sono stati loro, e non i vigili, a piantare per primi la bandiera sul ponte di legno.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Michele
    Michele

    I vigili? Il sindaco piuttosto dov'è? Chi è veramente chi lavora?

  • Avatar anonimo di Michele
    Michele

    Non tutti inVigili possono stare in strada, alcuni hanno problemi di salute e dovrebbero stare in ufficio come ad esempio in Municipio a Venezia. Sono stati tolti vigili per niente, anzi ora il municipio fa veramente pena!

  • Avatar anonimo di olaf
    olaf

    Più che dell'assenza dello stato mi lamento di quella del comune. Poi, per carità, i lucchetti saranno anche venduti clandestinamente ma, quel che è peggio, ci sono anche gli imbecilli che li comprano e che li usano...

  • "...i venditori clandestini continuano senza vergogna ad approcciare i fidanzatini..." Ma come mai dovrebbero vergognarsi? Dove sono i nostri vigili? Sembrano loro i veri clandestini. Non è possibile incontrare come l'anno scorso fino a cinque venditori sul ponte dell'Accademia mentre lo Stato è del tutto assente.

    • Avatar anonimo di willi
      willi

      probabilmente se si cercano in ufficio sono lì a fare il lavoro di impiegati ,che potrebbe essere affidato a dei "civili" e i vigili utilizzati a fare il lavoro per cui sono stipendiati .

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furti e rapine per strada e nei negozi, refurtiva da 2 milioni: come agivano i banditi

  • Cronaca

    Maxi operazione contro i clan specializzati in furti: 10 in arresto, 1600 auto sequestrate

  • Sport

    Umana Reyer beffata dalla Dolomiti Energia Trento: rinviato tutto a gara4

  • Cronaca

    Portuali: «Porto commerciale e lavoro legati alla manutenzione dei canali»

I più letti della settimana

  • Pugni e sassi contro due giovani: pitbull difende i padroni e azzanna gli aggressori

  • Ciclista investito, elitrasportato in gravi condizioni dopo l'impatto a terra

  • Maltempo: la mareggiata cancella la spiaggia a Eraclea, danni anche a Caorle

  • Denti perfetti: tutte le regole da seguire per una corretta igiene orale

  • Presunta violenza sessuale in discoteca, una ragazza all'ospedale

  • Torna l'acqua alta a Venezia, sarà un fenomeno "anomalo": toccherà quota 110 centimetri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento