"Gondolieri-sub" rimuovono i rifiuti dai canali di Venezia: tra gli oggetti perfino un bidet

Domenica mattina i volontari dell'Associazione gondolieri, coordinati dall’amministrazione Brugnaro, si sono immersi nel rio dei Santi Apostoli a Cannaregio per rimuovere sporcizia e scarti depositati sui fondali

Un impegno forte a sostegno dell'ambiente e della realtà quotidiana di Venezia. Un'azione con risultati molto tangibili, vista la quantità di rifiuti raccolti nei canali. Domenica mattina i volontari dell'Associazione gondolieri, coordinati dall’amministrazione comunale, si sono immersi nel rio dei Santi Apostoli a Cannaregio per rimuovere sporcizia e scarti depositati sui fondali. I "gondolieri-sub" entrati in azione hanno potuto operare in sicurezza grazie all'apporto dei mezzi della polizia locale.

Rispetto ambientale

Si è trattata della prima di tre uscite in programma nelle prossime settimane frutto di una convenzione con il Comune di Venezia che si pone l'obiettivo di rimuovere soprattutto pneumatici finiti in acqua dopo essere stati utilizzati come parabordi delle imbarcazioni o rifiuti ingombranti depositati sui fondali. Un’azione in linea con l’attenzione che l’amministrazione sta promuovendo in tema di rifiuti, cominciata con l'introduzione di un nuovo sistema di raccolta che ha portato all’espansione del porta-a-porta in tutta la città antica. Grazie a questo impegno, per il secondo anno Venezia è risultata come prima città metropolitana d’Italia per raccolta differenziata.

I rifiuti 

«Questa sperimentazione sta dando subito importanti risultati - ha commentato il consigliere delegato alla Tutela delle tradizioni, Giovanni Giusto, che ha assistito ai lavori – Con il sindaco Brugnaro abbiamo accolto subito la proposta dell'associazione, un esempio di sussidiarietà che coinvolge il pubblico e il privato a beneficio della cittadinanza. Stiamo raccogliendo numerosi pneumatici, ma anche bottiglie, antenne, transenne, scarti di qualsiasi tipo gettati dove l'occhio non vede, persino un bidet. In particolare ci sono molti cavalletti delle passerelle dell’acqua alta, gettati da vandali che danneggiano realmente la mobilità dei cittadini. Un'operazione chirurgica che, grazie all'apporto di questi abili sub, continuerà nel tempo. L'Amministrazione darà loro il sostegno necessario, anche perché - ha concluso il consigliere delegato - i gondolieri stanno lanciando un segnale molto forte di vicinanza ai problemi della comunità. Un ringraziamento va anche a Veritas, che ha messo a disposizione una barca per la raccolta di rifiuti ingombranti e al servizio di noleggio imbarcazioni Brussa, che ha fornito un mezzo nautico per i sommozzatori».

Raccolta dei rifiuti

La convenzione non prevede alcuna spesa per l'amministrazione comunale, che ha accolto subito la proposta dell'Associazione gondolieri presentata nei giorni scorsi organizzando la situazione ideale per la raccolta dai fondali lagunari: «Vogliamo ringraziare il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che, con il Comune, ci ha dato immediatamente supporto - dichiara Daniele D'Este, vicepresidente dell'associazione - L'idea funziona e sarebbe importante svilupparla anche in futuro». La stima dei rifiuti raccolti è di oltre 600 chilogrammi.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento