Anche Zaia allontana le grandi navi dalla Laguna: "Il rischio c'è tutto"

Ai giornalisti il presidente della Regione ha dichiarato che "questo è un problema che va affrontato, perché il nostro primo obblico è di salvaguardare la città e la vita delle persone"

“Lo dico da tempi non sospetti: il transito delle grandi navi, veri e propri condomini galleggianti, a Venezia e nel bacino di San Marco è un problema che va affrontato, perché il nostro primo obbligo è quello di salvaguardare l’integrità di una città unica al mondo e la vita delle persone”. Lo ha sottolineato oggi il presidente della Regione Luca Zaia parlando con i giornalisti a margine dell’audizione di una delegazione della commissione Ambiente del Senato in visita a Venezia per discutere della riforma delle legge speciale per la città, tenutasi in Prefettura.

“Non intendiamo certo boicottare la crocieristica – ha aggiunto Zaia – ma che occorra una riflessione, individuando e valutando soluzioni logistiche alternative è fuor di dubbio. Certo – ha proseguito il presidente – queste navi a Venezia sono rimorchiate e quindi in qualche modo controllate, ma il pericolo c’è tutto”.

Commentando le dichiarazioni sulla questione diffuse oggi dal ministro dell'Ambiente Corrado Clini, Zaia ha detto di averle apprezzate, “anche perché sono in linea con le nostre preoccupazioni” e ha aggiunto che “Venezia è anche molto di più di una riserva naturale di pregio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

  • Badante si schianta con l'auto: aveva un tasso alcolemico di 3,33

Torna su
VeneziaToday è in caricamento