Martedì, 21 Settembre 2021

Nasce "La Colletta Dischi": l'etichetta discografica che punta a costruire una rete tra i musicisti locali | VIDEO

L'etichetta indipendente veneziana ha esordito ufficialmente oggi con la pubblicazione di tre singoli: "Una bellissima festa" del Diplomatico e il Collettivo Ninco Nanco; "Spremiagrumi" dei Queen of Saba e "Paolo Conte" di Samuele Stanco e i Gabbiani Malvagi.

Si chiama La Colletta Dischi ed è un’etichetta discografica nata con lo scopo di creare una rete tra gli artisti della scena musicale veneziana. Il nome dell’iniziativa è già una dichiarazione d’intenti: l’idea, infatti, è quella di fare una vera e propria colletta, realizzando un’unione solidale tra i musicisti locali. 

A portare avanti il progetto sono cinque giovani veneziani: il direttore artistico Lorenzo Battistel, il booking manager Giovanni Favaro, l’addetto alla comunicazione e all’ufficio stampa Carlo Mezzalira, l’editore Daniele “Bullo” Russo e Sara Santi, che si occuperà del marketing e delle pagine social.

La Colletta Dischi non è nata per caso ma è, anzi, il naturale punto d’arrivo dei diversi percorsi artistici intrapresi dai cinque fondatori: un incontro di differenti realtà promotrici di arte e cultura, tra le quali lo studio di registrazione Mud Sound Studio nell’entroterra veneziano, l’acclamato format Voci Sparse, dedicato al cantautorato locale e ospitato da Argo16, una delle principali sale da concerto di tutto il Nordest, e Boogie, la casa di edizioni musicali fondata da Russo – già membro dei Rumatera e dei Catarrhal Noise –, da sempre attenta ai movimenti dell’underground territoriale. 

«Ci supportiamo a vicenda, stiamo letteralmente facendo colletta con le nostre capacità per cercare di far risaltare la musica locale. Nasce tutto dal basso, da produzioni indipendenti, ma speriamo che questo progetto possa crescere sempre più» spiega Mezzalira, che proviene da una lunga esperienza come organizzatore di eventi all’interno di Voci Sparse, progetto nato proprio con l’idea di dare risalto agli artisti locali costruendo al contempo una rete di sostegno reciproco. 

«La Colletta Dischi nasce nel momento in cui ho dovuto registrare, presso il Mud Sound Studio, tre gruppi musicali molto attivi – racconta Battistel –: i Queen of Saba, di cui sono anche il produttore, il Diplomatico e il Collettivo Ninco Nanco e Samuele Stanco e i Gabbiani Malvagi. Durante le registrazioni abbiamo avanzato l’ipotesi di metterci in gioco tutti assieme per portare avanti un percorso artistico comune». La determinazione del team è stata fondamentale per dare vita al progetto proprio in un periodo storico in cui il settore culturale ha subìto numerosi danni: «La Colletta nasce dopo un anno spogliato da quella che era rimasta l’unica fonte di sostentamento per la musica indipendente: i concerti – raccontano i ragazzi –. Sebbene non si direbbe essere il periodo migliore per mettersi in gioco o cercare di inserirsi in un mercato musicale profondamente mutato e ancora in via di definizione, questo è sicuramente il momento giusto per fare squadra e aiutare quegli artisti che hanno bisogno di tornare in careggiata con i propri progetti».

I primi tre singoli prodotti dalla Colletta

L’esordio dell’etichetta è avvenuto oggi con la pubblicazione dei nuovi singoli dei tre gruppi musicali che, attualmente, compongono il roster della stessa: Una bellissima festa del Diplomatico e il Collettivo Ninco Nanco è una ballata dai toni nostalgici nata in piena quarantena e sviluppata tra la sala prove e la breve parentesi dei concerti estivi; Spremiagrumi dei Queen of Saba è, invece, un monologo interiore notturno decantato dalla voce ipnotica di Sara Santi; infine Paolo Conte di Samuele Stanco e i Gabbiani Malvagi è un coinvolgente flusso di coscienza dalle sfumature blues e swing.

Tutti i brani possono essere ascoltati online. Tutte le novità possono inoltre essere seguite su Facebook e Instagram

COLLETTA2-2

COLLETTA1-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Nasce "La Colletta Dischi": l'etichetta discografica che punta a costruire una rete tra i musicisti locali | VIDEO

VeneziaToday è in caricamento