Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Teatro Stabile e le Camere di Commercio regionali uniscono le forze | VIDEO

Le Camere di Venezia-Rovigo, Padova e Treviso-Belluno garantiscono il proprio sostegno economico alle attività culturali del TSV

 

Una novità assoluta nel panorama culturale italiano: le Camere di Commercio di Padova, Venezia-Rovigo e Treviso-Belluno entrano da oggi come soci nell’Associazione Teatro Stabile del Veneto.

Con una quota di 50mila euro a ente, così come deliberato dalle rispettive giunte, le tre Camere garantiscono il proprio sostegno alle attività culturali e turistiche del territorio, prevedendo inoltre lo sviluppo di un progetto pluriennale che valorizzi il teatro professionale, favorisca lo sviluppo imprenditoriale e promuova un turismo di qualità.

L’annuncio è stato dato questa mattina a Palazzo Balbi, alla presenza del presidente della Regione Luca Zaia, del presidente del Teatro Stabile del Veneto Giampiero Beltotto, del sindaco del Comune di Treviso Mario Conte, dell’assessore alla Cultura del Comune di Padova Andrea Colasio, della presidente della commissione cultura del Comune di Venezia Giorgia Pea, del presidente della Provincia di Padova Fabio Bui e dell’assessore alla Cultura della Regione Veneto Cristiano Corazzari.

Le tre Camere di Commercio aderiscono all’iniziativa con una quota associativa di 90mila euro complessivi - che saranno integrati dagli ulteriori 50mila euro - affinché vengano realizzati alcuni importanti progetti per la valorizzazione dei luoghi d’impresa e del patrimonio industriale tra Venezia e Padova. L’operazione sarà perfezionata a settembre con una variazione al bilancio che andrà ad includere i contributi delle Camere di Commercio all’insegna di una sempre maggior solidità e sostenibilità del Teatro Stabile del Veneto.

«La nostra idea è far crescere sempre di più questo Teatro e renderlo al servizio del popolo veneto. Dobbiamo fare in modo che si crei, nel territorio, una rete collettiva di attività culturali – ha dichiarato Zaia – L’ingresso delle tre Camere nel teatro regionale è una novità assoluta, ora attendiamo solo il riconoscimento nazionale».

Beltotto ha poi preso la parola: «Oggi festeggiamo un grande giorno per il teatro veneto. Siamo riusciti, negli ultimi venti mesi, a definire al meglio il suo ruolo, allargandone la base sociale. Raggiunto questo traguardo, ora inizia per noi una nuova fase dei lavori».

Giuseppe Fedalto, presidente CCIAA Venezia Rovigo, ha concluso: «Mai come ora il sistema imprenditoriale deve investire in cultura e turismo, due driver indispensabili per far ripartire il territorio e di conseguenza trainare la crescita e la competitività delle nostre PMI. La filiera del teatro è un patrimonio di cultura, tradizioni e sapere artigiano che racconta il nostro territorio e la storia della nostra imprenditoria. Negli ultimi anni lo Stabile del Veneto ha orientato sempre più la sua programmazione verso una dimensione territoriale capillare e diffusa, dando vita a un progetto culturale che si rivolge al futuro investendo sulle nuove generazioni. Una delle progettualità che svilupperemo con il Teatro Stabile riguarderà proprio il rilancio e la valorizzazione dei centri storici, tema che mette in stretta relazione offerta culturale e capacità di fare impresa».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento