Favola Veneziana

Favola Veneziana

El palàso

Me piaxarìa abitàr... in un palàso venessiàn
par sentìr la so stòria, che me travèrsa l'ànema
le so frède colòne, podér sfioràr co le man
e scoltàr quel le dixe, mentre el cuòr me trèma

scale de marmo, balconi, e ornamenti sfarsòsi
sale ampie, statue, spèci indorài sui muri...
pènso a quanti visi, se ga vardà vanitosi...
e quante vite xe pasàe, tra chi lòghi scuri

da na antica trìfora, me piasarìa afaciàrme,
amiràr el Canàl Grande, par impenìrme el cuòr 
e ritornàr indrìo nel tèmpo, sensa mai fermàrme
lasàndo che la fantaxìa, lo ripercòra co amór

salóni in fèsta, bali in costumi venessiàni ,
cavalièri co le baute, dame co la mascherìna
le xe invitae a balàr, tra frìtole e galàni
ste elegànti signòre, basàndoghe la manìna

quanti amóri xe nati, dentro chi palàsi antichi
se i muri podése parlàr, e racontàrne tuto
de scondariòle e tradimènti, tragèdie e anca delìti
podèmo solo imaginarsio, nel silénsio più asolùto

dèso sèro qua, co sta pìcola poexiòla, 
dove me védevo, in un palàso imaginàrio
là, in Canàl Grande, con un gròpo a la góla
par èser entràda un àtimo, in sto fantastico scenàrio...

Cristina Marson

palazzo-3-2

Favola Veneziana

" Cercherò di condurvi nella ""Favola Veneziana"", attraverso le mie foto, le mie poesie, i miei brevi racconti. Venezia la si vede prima con il cuore, poi la senti con l'anima, poi con gli occhi. Venezia entra dentro di te, la respiri, perchP è viva. Lasciatevi catturare dal suo impalpabile manto nebbioso, siate pure la sua preda, fatevi imprigionare dal suo mistero. Imparate ad ascoltare la sua anima, respirare i suoi antichi odori, i suoi deboli suoni. Per assaporare la sua vera anima dovete perdervi tra le sue umide calli, sbucare in posti e luoghi dal sapore antico, corti dimenticate dal tempo, là, dove l'aria è ferma, il silenzio è ovattato, le pietre secolari, i pozzi, le facciate ornate da marmi incantevoli raccontano di sé... Ora datemi la per mano, vi condurrò nei posti più nascosti, perchè la vera Venezia, il suo cuore, avvolto dal silenzio, ci aspetta... ""Dai, portìme via co ti, fàme revìver i sècoli pàsai / fàme respiràr l'odor, de chi tempi desmentegài / làsite vàrdar, dàme zoìa pàr un momènto / càvite sto manto grigio, e fa alzàr el vento..."" "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di grinzato matilde
    grinzato matilde

    bellissima poesia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento