MestreToday

"Mi ha molestata durante la seduta", bufera su un medico di base di Mestre | IL SERVIZIO

 

Un servizio delle Iene andato in onda mercoledì sera ha immortalato lo psicologo mentre sembrerebbe nell'atto di molestare una paziente. La donna aveva portato con sé nello studio di via Milano a Mestre una telecamera nascosta. Nei giorni precedenti alla messa in onda del filmato era stata presentata una denuncia ufficiale nella caserma dei carabinieri di Mestre, che hanno subito informato la Procura della Repubblica.

La versione del medico: "Nessuna molestia, avevamo una relazione"

La nota dell'Ulss 3

L'Ulss 3 "Serenissima", in una nota, ha sottolineato di aver inviato per la valutazione del caso una nota alla Procura della Repubblica e all’Ordine dei Medici della Provincia di Venezia. "Il professionista in questione non è un medico dipendente dell'azienda sanitaria - si legge -, ma un medico convenzionato per l’attività di medicina generale. L’azienda ha di conseguenza disposto, immediatamente e cautelativamente, la sospensione della convenzione con il medico stesso. Contemporaneamente ha affidato gli assistiti del professionista al locale distretto sanitario e alla Medicina di gruppo integrata. Quanto all’attività di psicoterapeuta che risulterebbe svolta dal medico in questione, questa esula da qualsiasi incarico affidato dall’azienda sanitaria, e anche in proposito l’Ulss 3 ha avviato ogni necessaria verifica".

L'Ordine degli psicologi

Non è mancata nemmeno la presa di posizione dell'Ordine degli psicologi del Veneto, che in una nota definisce la vicenda "squallida": "Gli abusi sessuali sono stati praticati da un professionista denunciato da una sua paziente che ha trovato il coraggio di ribellarsi - si legge - Il professionista in questione non è iscritto all’Ordine degli psicologi, ma all’Ordine dei medici di Treviso con una specializzazione dichiarata in psicoterapia conseguita all’Università Pontificia. L’Opv, laddove provate le accuse, si considera in questa vicenda parte lesa assieme all’intera categoria degli psicologi. E’ già in contatto con l’Ordine dei medici e sta valutando qualunque azione legale possa essere intrapresa a tutela di tutti i propri iscritti". A prendere posizione è anche il presidente dell'Ordine, Alessandro De Carlo - Purtroppo questi episodi possono succedere, ma in realtà sono rarissimi. Non devono, tuttavia far venire meno in alcun modo la fiducia dei cittadini nei confronti di una disciplina seria e dei tanti suoi professionisti che esercitano questo mestiere con competenza e passione a beneficio dell’utenza”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento