Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre più in tempo reale con l'App Temporali: nessuna grandinata senza preavviso

È il sistema di Arpav e Regione Veneto presentato martedì a palazzo Balbi per il monitoraggio e la segnalazione sugli smartphone dell’avvicinarsi di temporali o, in generale, di precipitazioni intense, con un alto livello di dettaglio.

 


Precipitazioni improvvise, fenomeni intensi, bombe d'acqua e piogge torrenziali non saranno più una sorpresa, grazie al nuovo dispositivo per smartphone che segnala in tempo reale le condizioni meteo, allertando, ma anche permettendo di programmare senza rischi, gite, scampagnate, viaggi e tempo libero, al mare, in montagna o nel verde. Acquazzoni e rovesci non saranno più una variabile fuori controllo, e si potrà sapere in tempo se conviene mettere al riparo l'automobile, o è la giornata ideale per intraprendere un'escursione.

App_Temporali_1 (1)-2

“Si tratta di un servizio in più reso al cittadino – ha spiegato l’assessore all'Ambiente regionale, Gianpaolo Bottacin – perché sia informato in anticipo su possibili fenomeni intensi e programmare così le sue attività, soprattutto quelle all’aria aperta. Nasce dalla possibilità data dai radar meteo in gestione all’Arpav, che forniscono dati elaborati in modo automatico e in tempi molto brevi. E’ un sistema realizzato completamente in casa e le uniche spese vive sono quelle per l’utilizzo dei server necessari a consentire agli utenti di accedere al servizio”.  

Alberto Luchetta, direttore del Dipartimento Sicurezza del territorio di Arpav: "Sul Veneto si registrano in media da 10 a 30 giorni con piogge intense (superiori a di 10 mm) nei mesi da maggio a settembre. Nel periodo dal 1993 al 2016 la media è salita localmente di 1 o 2 giorni nella parte settentrionale della regione. Le precipitazioni intense e di breve durata (con quantitativi massimi maggiori) interessano invece soprattutto le zone costiere, come è avvenuto, ad esempio il 26 settembre 2007 a Mestre con 250 millimetri in 3 ore e oltre 300 a Valle Averto. Questa App non ha finalità di protezione civile ma rappresenta un utile ausilio per rimanere informati sull'evoluzione meteorologica nelle aree di interesse dell'utente".

Il sistema è basato sul telerilevamento dei radar Arpav di Teolo e Concordia Sagittaria, e anche sui dati forniti da quello di Monte Macaion (in Trentino Alto Adige), che vengono poi elaborati dai server. L’App, una volta scaricata sullo smartphone, consente di visualizzare le immagini e ricevere le notifiche per i comuni scelti dall’utente (fino a tre) con la possibilità di scegliere l’estensione dell’area (da 10 a 50 chilometri) entro la quale si vuole ricevere l’avviso. Il sistema offre la possibilità di selezionare anche l'intensità della precipitazione (intensa o molto intensa) e l'intervallo tra le notifiche. Funziona anche su Bot Telegram ma si può selezionare un solo Comune.


 

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento