Si indaga sull'incidente stradale in cui è morto Bruno Ruvoletto

È accusata di omicidio stradale la donna alla guida dell'auto che ha investito l'anziano a Vigonovo, il 2 dicembre. La pm ha anche disposto una perizia non ripetibile

Via Pascoli a Vigonovo; nel tondo, Bruno Ruvoletto

Una cinquantenne (D.Z., di Galta di Vigonovo) è indagata nel procedimento per omicidio stradale avviato in seguito all'incidente in cui è morto l'83enne Bruno Ruvoletto. La donna era alla guida della Fiat Punto che nel tardo pomeriggio di lunedì 2 dicembre ha investito l'anziano pedone, scaraventandolo in fosso lungo via Pascoli, a Vigonovo. Soccorso dall'ambulanza, Ruvoletto è deceduto in ospedale poche ore più tardi. La pm ha anche disposto un accertamento tecnico non ripetibile per ricostruire la dinamica e le responsabilità del sinistro.

Ruvoletto, che aveva lavorato una vita in una fabbrica di scarpe della Riviera del Brenta, non si era sposato e viveva da solo. Ha lasciato un fratello, due anziane sorelle e alcuni nipoti. I familiari si sono rivolti all'agenzia Studio3A-Valore per chiedere risarcimento. I funerali non sono stati ancora fissati, in attesa del nulla osta da parte dell’autorità giudiziaria. Per ora non è stata disposta l’autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento