menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Massimo Tommasini

Foto Massimo Tommasini

Mostra del Cinema di Venezia, programma film oggi 3 settembre 2016

Il regista napoletano ha presentato le prime due puntate della serie tv "The Young Pope", ottenendo un discreto riscontro dalla critica. James Franco assente sul tappeto rosso. Giulia Salemi e Dayane Mello con spacchi vertiginosi fanno discutere

Alla Mostra del Cinema di Venezia è il giorno di Paolo Sorrentino, che presenterà fuori concorso come evento speciale le prime due puntate della serie che ha diretto per Sky, "The Young Pope" con Jude Law. Il marketing e il potere, il segreto del confessionale violato, il sogno in cui si invita alla masturbazione, ai matrimoni gay e all'essere felici in totale libertà, l'avversione per i turisti: Paolo Sorrentino, premio Oscar per "La Grande Bellezza", abbraccia la sfida di una serie tv, The Young Pope, mettendosi in gioco con un nuovo linguaggio e ambientando la sua nuova storia in Vaticano.

"Le reazioni sono un problema del Vaticano, il mio lavoro affronta con onestà e curiosità, senza voglia di provocazioni, le contraddizioni e le difficoltà di quel mondo - chiarisce il regista - Per me 'The Young Pope' è un lungo film di 10 ore che tiene conto delle regole basilari delle serie ossia inizio e fine di ciascuna puntata e storie che non si possono rivelare. Scrivere per la tv non è stato traumatico, anzi ho potuto lavorare su una dilatazione dei tempi ampia".

Per il concorso di Venezia 73 è sceso in campo Francois Ozon, con "Frantz", dramma in bianco e nero, ambientato all'indomani della Prima Guerra Mondiale sul legame che unisce un soldato tedesco morto durante il conflitto, la sua fidanzata in lutto e un misterioso giovane francese. In gara anche "Brimstone", western europeo diretto dal regista olandese Martin Koolhoven, con Dakota Fanning, Guy Pearce, Emilia Jones, Kit Harington, e Carice Van Houten. Sul versante divi ci sarà anche James Franco con la sua nuova regia, "In Dubious Battle". Il provocatorio Ulrich Seidl, promette, come al solito, di far discutere, con il documentario "Safari", sui 'trophy hunters'.

È stato un vero e proprio bagno di folla per le star di giornata, accolte calorosamente dai fan già al loro arrivo alla darsena, poco prima delle conferenze di rito. Tra un Paolo Sorrentino che se l'è svignata rapidamente, senza assecondare giornalisti e fotografi, e un James Franco che ha rigato dritto allo stesso modo, rimandando l'appuntamento al red carpet, è spettato agli attori regalare sorrisi, selfie e autografi ai fan che li osannavano in tripla e quadrupla fila: su tutti, il più richiesto è stato Jude Law, protagonista di "The Young Pope", che ha ottenuto grande consenso anche dalla critica in conferenza. Sul red carpet Giulia Salemi e Dayane Mello hanno fatto discutere con due abiti che hanno lasciato poco all'immaginazione, con inguini in bella vista. Più critiche che altro al loro passaggio assieme allo stilista Matteo Evandro Manzini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FILM IN PROGRAMMA:

"Frantz" di Franois Ozon (Venezia 73) con Pierre Niney, Paula Beer, Marie Gruber. Al termine della Prima guerra mondiale, in una cittadina tedesca, Anna si reca tutti i giorni sulla tomba del fidanzato Frantz, morto al fronte in Francia. Un giorno incontra Adrien, un giovane francese anche lui andato a raccogliersi sulla tomba dell'amico tedesco.

"Brimstone" di Martin Koolhoven (Venezia 73) con Dakota Fanning, Guy Pearce, Emilia Jones, Kit Harington, Carice Van Houten. L'eroina è Liz, di grande cuore e coraggio, perseguitata da un vendicativo Predicatore, un diabolico fanatico, che si trasforma nella sua nemesi.

"The Young Pope" (Episodi I e II) di Paolo Sorrentino, con Jude Law, Diane Keaton, Silvio Orlando, Scott Shepherd, Cécile de France, Javier Camara. The Young Pope racconta in dieci episodi la storia di Lenny Belardo, alias Pio XIII, il primo papa americano della storia. Giovane e affascinante, la sua elezione sembrerebbe il risultato di una strategia mediatica semplice ed efficace del collegio cardinalizio. Ma le apparenze ingannano.

"Safari" di Ulrich Seidl. Africa. Turisti tedeschi e austriaci in vacanza per cacciare nelle distese selvagge, dove antilopi, impala, zebre, gnu e altre creature pascolano a migliaia. Guidano nel bush, si appostano, braccano le loro prede, sparano, singhiozzano per l'eccitazione e si mettono in posa davanti agli animali che hanno catturato.

"In Dubious Battle" di James Franco, con Bryan Cranston, Ed Harris, James Franco, Josh Hutcherson, Selena Gomez (Sala Giardino alle 21). Nei campi di mele della California, 900 lavoratori stagionali insorgono contro i proprietari terrieri dopo essere stati pagati solo una frazione dei compensi concordati. Il gruppo si anima di una vita propria, più potente dei suoi singoli membri, e più spaventosa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento