menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Intervento dei vigili del fuoco con autocisterna (archivio)

Intervento dei vigili del fuoco con autocisterna (archivio)

Incidente a Dignano: esce con l'autocisterna, morto di Eraclea

Il 62enne, Giovanni Fabris, alle 7 di mattina è improvvisamente uscito di strada sulla regionale 463. Ha perso la vita sul colpo nell'abitacolo

Grave incidente stradale stamattina nel territorio di Dignano, in provincia di Udine. Un autotrasportatore, Giovanni Fabris, verso le 7 ha perso il controllo della sua autocisterna (di cui era anche proprietario) ed è uscito di strada, ribaltandosi. Per il conducente,  62enne di Eraclea, noto artigiano e presidente del Consorzio di autotrasportatori Cogeco, non c'è stato nulla da fare. Ha perso la vita sul colpo rimanendo incastrato tra le lamiere dell'abitacolo del mezzo pesante. Immediati i soccorsi della polizia municipale di San Daniele del Friuli, della polizia stradale di Udine e dei vigili del fuoco, intervenuti con sette squadre, compreso il nucleo Nbcr di Trieste.

L'autocisterna infatti conteneva carburante, che si è poi disperso sulla carreggiata della strada regionale 463, determinandone la chiusura. C'era infatti il pericolo di esplosione durante i rilievi. Per questo motivo gli automobilisti che intendevano transitare per l'arteria che collega la zona di Dignano con Codroipo sono stati deviati per le vie del centro abitato per tutta la mattina. Verso le 12, poi, sarebbero iniziate le operazioni di travaso del carburante in un'altra cisterna. Impossibile sapere quando la carreggiata verrà riaperta.

Ancora al vaglio le cause dellatragedia. Le forze dell'ordine per ora non possono escludere alcuna ipotesi: dato che il conducente (in un tratto rettilineo) ha improvvisamente perso la traiettoria finendo la sua corsa sul campo adiacente alla strada, a circa 400 metri da una grande rotonda che immette sulla strada regionale, a risultare fatale potrebbe essere stato un malore e un colpo di sonno. Sul posto anche i tecnici dell'Arpav, poiché il carburante fuoriuscito avrebbe raggiunto anche un canale di scolo adiacente alla strada.

“Siamo addolorati – commenta il presidente della Confartigianato di San Dona di Piave, di cui Fabris era membro nella consulta comunale di Eraclea, Ildebrando Lava – per questa tragedia e siamo vicini alla famiglia di Giovanni. Tutta la collettività e l’associazione perdono una grande persona, un uomo che ha dato molto alla categoria, al suo paese e in generale alla nostra associazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento