menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incidente (foto vigili del fuoco)

L'incidente (foto vigili del fuoco)

Incidente sulla Noalese tra Santa Maria di Sala e Pianiga, due feriti

Lo schianto frontale verso le 9 di giovedì. Coinvolte due automobili. Un conducente portato via in elicottero, una signora rimasta incastrata

Grave incidente stradale poco dopo le 9 di giovedì mattina al confine tra il territorio di Pianiga e Santa Maria di Sala, non lontano dalla rotonda del centro commerciale Tommasini. A un certo punto, per cause ancora al vaglio delle forze dell'ordine, un veicolo ha occupato in parte la corsia di marcia opposta, impattando contro un'auto che procedeva dal senso di marcia inverso. Devastante lo scontro, che ha completamente distrutto i rispettivi cofani dei mezzi coinvolti, una Suzuki e una Opel Astra grigia. Secondo un testimone  che ha assistito alla dinamica alla base della sbandata sarebbe stato l'improvviso attraversamento della strada da parte di un cane. Il conducente della Suzuki per evitarlo avrebbe invaso d'istinto la corsia opposta, finendo contro la Opel.

Ad avere la peggio sono stati gli occupanti della prima auto, due quarantenni, che transitava in direzione di Santa Maria di Sala: il conducente, residente a Monselice, è stato intubato e caricato a bordo dell'elicottero del 118, nel frattempo atterrato sul posto. E' stato quindi trasportato all'ospedale Dell'Angelo di Mestre. Le sue condizioni sarebbero gravi. Si trova in prognosi riservata. La signora che si trovava sul sedile del passeggero invece è stata liberata dalle lamiere contorte dell'abitacolo dai vigili del fuoco, intervenuti con una squadra da Mirano e una da Mestre.

E' quindi stata caricata in ambulanza e accompagnata all'ospedale di Dolo. Sospette fratture per lei, residente a Pianiga. Il conducente dell'Opel Astra è invece uscito sulle proprie gambe dall'auto. Il tratto di Noalese dove si è verificato lo schianto (per l'esattezza a Mellaredo di Pianiga) è stato chiuso al transito per permettere i rilievi delle forze dell'ordine. Ci sono sia carabinieri, sia agenti della polizia municipale, i quali si sono dovuti impegnare a fondo anche per gestire la viabilità. Scaraventata nel caos in uno dei punti più trafficati al confine tra Riviera e Miranese. Il bypass è durato per circa un paio d'ore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento