Alla biblioteca Marciana la mostra "KAIROS. Il momento decisivo"

Un progetto di Christian Zott. Dal 5 ottobre al 3 novembre, Venezia, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, piazzetta San Marco 13/a

Una mostra d'arte contemporanea che rivolge lo sguardo alle opere inesistenti o a quelle assenti alla visione attraverso l'opera indagatrice del pittore Wolfgang Beltracchi e del fotografo Mauro Fiorese. “KAIROS. Il momento decisivo” è il progetto internazionale di arte contemporanea promosso da Zott Artspace, dall'idea di Christian Zott che, a partire da Venezia, proseguirà ad Amburgo, Vienna e altre città europee.

A Venezia si inaugura la tournée. Dal 5 ottobre al 3 novembre presso la Biblioteca Nazionale Marciana, Sala Monumentale, Piazzetta San Marco 13/a, la mostra propone un approccio filosofico sulla creazione e ricezione dell'arte. Invece di guardare alle opere esistenti, egli rivolge lo sguardo a quelle assenti: i quadri non visti e non dipinti. Quei quadri che avrebbero potuto scrivere la storia dell’arte. Nell’ambito di un progetto di arte contemporanea, essi devono vivere ora il proprio kairos, il momento decisivo. Al centro di questa mostra uno sguardo diverso sulla storia dell'arte occidentale che indaga sui quadri assenti in 2000 anni di arte europea a partire dalla domanda "Come sarebbe se non vedessimo tutto ciò che invece avremmo potuto vedere? E soprattutto quanto del nostro patrimonio non ha ancora vissuto il suo momento decisivo?"

Al quesito rispondono le opere di due artisti con punti di vista divergenti: il pittore Wolfang Beltracchi e il fotografo Mauro Fiorese. Per la prima volta 28 opere di Wolfgang Beltracchi nelle quali il pittore sperimenta l'arte attraverso l'adozione di tratti artistici d‘artisti di grandi maestri quali Vermeer, Botticelli o Turner e dipingendo motivi che da loro non furono mai dipinti, come ad esempio la HMS che salpa con a bordo Charles Darwin per mano artistica di Turner, o le scoperte di Vespucci per mano artistica di Botticelli, a cui si accompagnano le fotografie di Mauro Fiorese che con la sua pluri premiata serie Treasure Rooms ritrae i depositi di grandi musei e dei loro tesori nascosti che mettono in luce l'enorme varietà del nostro retaggio culturale, di cui però vediamo solo una parte. Un'esperienza di visita che, grazie all'intervento della tecnologia e in particolare della realtà aumentata, diventerà ancora più coinvolgente per il visitatore.

Informazioni

Dal 5 ottobre al 3 novembre, Venezia, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, Piazzetta San Marco 13/a (con ingresso dal Museo Correr, ore 10-18 fino al 31 ottobre, dal 1° novembre: ore 10-16, con biglietto del Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco; mentre ingresso da Piazzetta San Marco 13/a, con biglietto solo per la mostra 6 euro).

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

  • Il Cibo del Risveglio: il convegno nazionale su come vivere fino a 120 anni

  • Memoria olfattiva: cos'è e come viene sfruttata dal marketing

I più letti della settimana

  • Schianto auto-moto, due all'ospedale. Bloccato l'autista, guidava ubriaco

  • Un bambino salvato sulla spiaggia a Jesolo

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

  • Due bagnini indagati per l'annegamento a Jesolo

  • Una coltivazione di cannabis individuata dall'elicottero a Sant'Erasmo

  • Ragazza di colore discriminata in spiaggia: denunciato l'ex gestore di Punta Canna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento