rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Basket

Gemini scivola Cividale

I grifoni non riescono ad espugnare il nido delle aquile: troppo forte la UEB Gesteco Cividale per la Gemini Mestre, a cui non basta un'illusoria prima parte di gara per tornare dal Friuli con un successo prestigioso

Non è un caso se in casa la squadra di coach Pillastrini non perde da oltre un anno, se guida la classifica con pieno merito e se tutti gli addetti ai lavori la indicano come la principale candidata al salto di categoria; al momento il livello raggiunto (e costruito negli anni, va detto) dalle aquile della Gesteco sembra inavvicinabile per Mestre, con la sola Cremona apparentemente in grado di rovinare i piani di Cividale ai playoff. Playoff che, è vero, fanno come sempre storia a sé, ma servirà di certo un'altra Gemini nella post season per provare a sovvertire i pronostici. L'unica buona notizia per i ragazzi di coach Ferraboschi arriva dal ko di San Vendemiano proprio contro Cremona, risultato che permette ai grifoni di mantenere il terzo posto in classifica, posizione che venisse confermata da qui al termine della stagione regolare darebbe qualche piccolo vantaggio almeno nel primo turno playoff. I primi due quarti paiono rispecchiare il copione di un match tirato tra la prima e la terza forza del campionato: Cividale scatta meglio dai blocchi (10-3), ma Mestre reagisce e con un break di 4-13 mette la testa avanti dopo la tripla di Stepanovic (14-16), senza tuttavia fare i conti con Rota che firma il 18-16 locale al 10'. Ancora Stepanovic apre il secondo quarto con i punti della parità (18-18), poi è il neo acquisto Almansi (altra pedina utile a rafforzare una squadra già di grande spessore) a rendersi protagonista del tentativo di allungo friulano che produce comunque al massimo un +6 (31-25 e 36-30), ricucito da un Petrucci on fire il quale con 8 punti di fila manda i due quintetti negli spogliatoi separati da una sola incollatura (36-35).

I secondi due quarti

Al rientro in campo, però, la musica cambia e in pochi minuti la Gesteco tocca il +9 (49-40), tanto da obbligare la panchina di Mestre al timeout. Cividale ha però altro passo e altro piglio: un fallo e vale di Chiera a 5'25 dalla terza sirena regala ai padroni di casa la prima doppia cifra di vantaggio della serata (52-42), gap non solo psicologico sotto il quale il distacco scenderà solo nell'azione successiva grazie a Drigo (52-44). Poi è solo Gesteco, spinta da un Battistini incontenibile (sua la schiacciata del 57-44 a 3'30 dal 30') e dalle geometrie di Rota. Mestre non ne ha più, il divario tocca nell'ultimo quarto i 20 punti (78-58 con Miani a 6'15 dal termine) e i titoli di coda calano sulla serata friulana.

I tabellini

Gesteco Cividale 86

Gemini Mestre 72

GESTECO CIVIDALE: Almansi 8, Miani 4, Balladino ne, Chiera 17, Cassese 6, Rota 13, Battistini 25, Frassineti, Paesano 8, Cuccu, Micelich 3, Ohenhen 2. All.: Pillastrini.

GEMINI MESTRE: Petrucci 17, Dal Pos 2, Casagrande 8, Drigo 15, Bobbo ne, Ianuale, Pinton, Bortolin 16, Stepanovic 7, Fazioli 7. All.: Ferraboschi.

ARBITRI: Colombo di Como e Castellano di Legnano (MI).
NOTE: parziali 18-16, 36-35, 63-53. Tiri liberi Gesteco 6/8, Gemini 10/14, da 3 12/29 – 8/23, rimbalzi 44-34.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gemini scivola Cividale

VeneziaToday è in caricamento