menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trascorre una serata con gli amici e assume metadone a sua insaputa: va in overdose

L'episodio è accaduto ad un giovane che non presenta problemi di tossicodipendenza. Il suo corpo, fortunatamente, ha risposto al meglio alle cure a cui è stato sottoposto

Un episodio dai contorni non ancora chiari ha rischiato di essere fatale per un 21enne di Mestre. Come riporta il Gazzettino, il giovane dopo aver passato una lunga notte con gli amici, nel bar di sempre, ha cominciato ad accusare un malore, si è accasciato a terra e non accennava risposta ai propri compagni. La situazione è apparsa subito grave, ecco perché gli amici hanno allertato immediatamente il 118, giunto prontamente sul posto. Si pensava alla stanchezza mista a qualche bicchierino di troppo, ma la realtà era ben diversa.

Il giovane entra al pronto soccorso in codice rosso, e sin dal principio si teme per il peggio. Ma il suo fisico reagisce per il meglio alle cure e comincia a riprendersi. All'ospedale dell'Angelo, dove era stato condotto a sirene spiegate, si è precipitato anche il padre, informato del fatto che il figlio avesse assunto una quantità non certo indifferente di metadone. La causa di quella che pareva, di fatto, una overdose. Passano le ore, e il quadro clinico del giovane, fortunatamente, migliora.

Poi è la volta degli agenti di polizia. Quando il 21enne si sente meglio, infatti, viene ascoltato dai poliziotti, ai quali riferisce di non aver mai fatto uso di droghe. Ecco perché la polizia sta ora procedendo con degli accertamenti, per capire cosa possa essere effettivamente successo. L'unica pista porta ad una ragazza con la quale il giovane si era appartato la sera prima, fino al ricongiungimento con gli amici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento