menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto "coordinamento studenti medi Venezia-Mestre" - facebook

Foto "coordinamento studenti medi Venezia-Mestre" - facebook

Scontro su matrimoni gay in piazza, studenti fronteggiano "sentinelle"

I "pro famiglia naturale" si sono incontrati domenica in piazza Ferretto, dall'altra parte gli antifascisti. Contromanifestazione in piazzale Candiani

In prima linea per ribadire che "l'unica famiglia è quella naturale composta da mamma, papà e figli": le "sentinelle in piedi" di Venezia si sono date appuntamento domenica alle 17.30 in piazza Ferretto a Mestre, per dichiarare con la loro manifestazione silenziosa la propria contrarietà all'istituzione dei matrimoni gay. Un raduno che arriva a pochi giorni dall'approvazione al parlamento europeo di una relazione non vincolante che, tra l'altro, afferma che i matrimoni gay sono un diritto umano.

La protesta pubblica si è svolta in contemporanea con quella analoga organizzata dalle sentinelle in piedi di Verona: un'ora di veglia silenziosa, secondo lo stile degli attivisti che come sempre hanno manifestato stando in piedi e leggendo un libro. "Vegliamo - spiegano - in rigoroso silenzio, a due metri di distanza l’uno dall’altro, leggendo un libro in segno della formazione permanente di cui tutti abbiamo costantemente bisogno, rivolti nella stessa direzione che è quella di un futuro migliore".

A "rovinare la festa" ai manifestanti si è contrapposto, sempre in piazza Ferretto, un corteo di studenti antifascisti. Muniti di alcuni striscioni, hanno fronteggiato le sentinelle dichiarando la propria posizione contraria: "I nostri sorrisi e i nostri colori contro tutti i fascismi e fondamentalismi". In contemporanea è stata indetta in piazzale Candiani un'altra manifestazione, indetta dal collettivo "Stonewall Venezia LGBTIQueer", per ribadire la necessità di assicurare pari diritti a tutte le persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, asessuali e intersessuali. "Vogliamo chiarire - dichiarano - che l'omofobia, come il razzismo, non è un’opinione, ma la negazione della dignità altrui".

Anche in questo caso la dimostrazione è stata pacifica e silenziosa, "proprio per dimostrare quanto il silenzio sia strumentalizzato da parte di certi soggetti, con lo scopo di annichilire la dignità e l’esistenza delle persone LGBT+. Saremo in piazza - spiegano - per difendere i nostri diritti, troppo spesso taciuti e negati, perché, come sancito dall’articolo 3 della costituzione italiana, tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge". Le forze dell'ordine hanno sorvegliato la situazione, non ci sarebbero comunque stati disordini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Attualità

Federica Pellegrini stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento