menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I dipendenti di Ames scendono in piazza: "Per servizio di qualità, serve la qualità del lavoro"

I lavoratori della partecipata del Comune si sono ritrovati sabato in Piazzetta Coin, per porre l'attenzione della cittadinanza sulla precarietà del proprio lavoro

A metà ottobre non c'era stato nessun avvicinamento tra le organizzazioni sindacali e il Comune. A distanza di più di un mese i lavoratori di Ames, l'azienda multiservizi che si occupa dei servizi di mensa e collaborazione scolastica per asili nido e scuole materne comunali, si sono ritrovati in Piazzetta Coin a Mestre, per manifestare e far sentire la propria voce.

Il presidio è iniziato attorno alle 10.30 di sabato, con l'obiettivo di porre l'attenzione della cittadinanza sulle precarie condizioni in cui si trovano ad operare i lavoratori della partecipata del Comune. All'iniziativa hanno partecipato circa 150 persone. "Nonostante l’apporto fondamentale anche alle attività scolastiche - spiegano Daniele Giordano (Cgil), Carlo Alzetta (Cisl), Mario Ragno (Uil) e Sergio Berti (Csa) - non vedono valorizzato nel giusto modo il lavoro svolto. I lavoratori rivendicano, oltre a chiarezza e valorizzazione delle proprie competenze, anche garanzie sugli organici, visite mediche periodiche e l’estensione del contratto di lavoro a 12 mesi".

Nel corso del presidio i cuochi ed il personale ausiliario di Ames hanno chiesto che si diano risposte sui seguenti temi: organici (garanzia degli attuali numeri, valutazione dei fabbisogni, tenendo conto anche delle maternità, confronto sui contratti precari non rinnovati); estensione dei contratti per l’intero anno a 12 mesi e non a 10 o 11 mesi; aumento dei carichi di lavoro (l’allungamento degli orari e la diminuzione del personale si scarica sul personale rimasto in servizio); chiarezza dei compiti del personale educativo e del personale ausiliario; rispetto del contratto di lavoro nella riorganizzazione dei servizi.

"Su questi punti - concludono i sindacati - nelle scorse settimane abbiamo proclamato lo stato di agitazione e la manifestazione di oggi si è svolta di sabato per non arrecare danno alle famiglie. Ma in assenza della convocazione di un tavolo congiunto Comune e Ames valuteremo le modalità e i tempi dello sciopero. Il personale sceso oggi in piazza chiede rispetto per il proprio lavoro e riconoscimento del ruolo essenziale nella garanzia della qualità del servizio educativo del Comune di Venezia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento