Boom di Cassa integrazione, ore raddoppiate sul 2012

Dati sempre più preoccupanti sul lavoro a Venezia: 1,6 milioni di ore autorizzate nel solo aprile e 6 milioni in quattro mesi. La Cisl: responsabilità a Comuni e Regione

Veduta di Porto Marghera

Sempre più preoccupante la situazione del lavoro a Venezia. Non meno disarmante, quindi, è l'impennata di ore per la Cassa integrazione da parte delle aziende di tutta la provincia. Dati che fanno spavento, e che i sindacati temono possa peggiorare sempre di più: solo nei 30 giorni di aprile si sono autorizzate 1,6 milioni di ore. Il doppio, secondo quanto riporta la Nuova, sullo stesso periodo del 2012. Nel complesso, da inizio anno, le ore si alzano alla triste cifra record di 6 milioni di ore (erano 5,4 nel 2012). Le stime nell'anno sono tutt'altro che incoraggianti, anzi: per il dicembre di quest'anno si potrebbe superare di molto l'enorme ammontare dell'anno scorso, che si era attestato sui 18,6 milioni di ore.

Secondo la Cisl le responsabilità di tutto ciò ricadrebbero, come sempre, su chi i soldi li ha ma non ha intenzione di investirli: su Porto Marghera, dove le aree sono attrezzate ma praticamente abbondonate, sulle aziende in crisi della provincia, dove gli investitori se ne stanno "seduti a guardare". Comuni, Provincia e Regione, in breve, ancora nella bufera, trascinati dai sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento