menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cybersecurity, l’Università di Venezia in pole: prima conferenza italiana a Ca’ Foscari

Sarà l'ateneo veneziano ad ospitare il primo dibattito su un tema delicato e attuale come quello della sicurezza. A confronto esperti, studiosi, imprese, istituzioni e intelligence

Sarà quella di Venezia l'Università italiana ad ospitare la prima conferenza sulla cybersecurity nel nostro paese, dal 17 al 20 gennaio 2017 nel campus di San Giobbe. Nata in seno al Laboratorio Nazionale Cybersecurity del Consorzio Interuniversitario Nazionale per l'Informatica (CINI), il dibattito mette a confronto il mondo accademico, la componente industriale e il settore governativo.

Mai come di questi tempi il tema della sicurezza in ambito informatico è stato  così urgente e attuale. 

Gli argomenti in programma sono: difesa cyber della nazione, policy nazionali ed europee, partnership pubblico-privato, protezione delle infrastrutture critiche, intelligence sul web, malware analysis, attack detection.

Interverranno, tra gli altri, Pier Paolo Baretta, sottosegretario al ministero dell’Economia e delle Finanze, Domenico Rossi, sottosegretario al ministero della Difesa, Paolo Ciocca, vicedirettore del Sistema Informazione Sicurezza della Repubblica. Si alterneranno ospiti internazionali nell'Aula Magna Cazzavillan, quali: Matthew Barret del NIST USA, Andrea Servida (EU DG Connect), Luigi Rebuffi (ECSO) e Harry Perper (National Cybersecurity Center of Excellence, MITRE).

Fra i soggetti pubblici e privati parteciperanno Cisco, IBM, Leonardo, Microsoft, TrendMicro, PaloAlto Networks, Blu5, Business-e, Check Point, inthecyber, Saiv, RSA, Var Group, Deloitte, KPMG, Accenture, Hermes Bay, Banca d'Italia, Confindustria, Enel, Associazione Italiana Infrastrutture Critiche, Enisa, Sogei, CERT Nazionale (MiSE) e CNR.

Tre i filoni principali della conferenza: una scientific track sulla cybersecurity, una demo track mirata a presentare strumenti innovativi sviluppati da industrie, centri di ricerca, e università e una fil-rouge track comprendente una serie di sessioni multidisciplinari su 'temi caldi' della sicurezza informatica. In tutto più di sessanta presentazioni selezionate da oltre quaranta università e dai maggiori centri di ricerca italiani.

Il comitato di selezione è stato guidato dai professori Riccardo Focardi, dell'Università Ca' Foscari Venezia, Alessandro Armando dell'Università di Genova e Roberto Baldoni, direttore del Laboratorio Nazionale Cybersecurity del CINI e docente dell'Università di Roma La Sapienza. Il programma dettagliato è consultabile sul sito www.itasec.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento