rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Mestre Mestre Centro / Corso del Popolo

Il ladro: "Ho la Tbc". Durante la direttissima in Tribunale tutti con la mascherina

Un 41enne marocchino, nonostante gli esami non destassero problemi, lunedì ha dichiarato di essere malato. Si è optato per la cautela. Le manette sono scattate venerdì a Mestre

"Attenti, ho la Tbc". Risultato: durante l'udienza giudice, avvocati e forze dell'ordine, oltre che l'arrestato, hanno dovuto indossare la mascherina, per evitare sgradevoli inconvenienti. Trambusto lunedì mattina nella Cittadella della giustizia di piazzale Roma, dove un 41enne marocchino è comparso dopo essere stato arrestato venerdì per rapina. E' stato condannato a 2 anni di detenzione e per lui il giudice ha disposto la misura del divieto di dimora nel territorio del Comune di Venezia. Gli esami domenica hanno comunque fugato l'ipotesi di un contagio da Tbc, ma in Tribunale si è comunque optato per la cautela. 

L'arresto venerdì 

Come detto, l'arresto si è registrato verso le 14 di venerdì alla Pam di corso del Popolo: il malintenzionato si è avvicinato a una guardia giurata del supermercato e con il pretesto di chiedere una sigaretta gli ha chiesto se lavorasse lì, continuando col dire che in caso affermativo avrebbe spaventato tutti i ladri. Insospettito dal tenore del discorso la guardia giurata avrebbe negato di essere un dipendente dell’esercizio commerciale e non appena il nordafricano è entrato nel supermercato, non gli ha più tolto gli occhi di dosso, seguendolo con lo sguardo dall’esterno, attraverso la vetrata.

Furto di 5 bottiglie di whisky 

L’uomo si è subito diretto verso lo scaffale dei liquori e ha messo 5 bottiglie di whisky dentro a un sacchetto recuperato dalla spazzatura proprio poco prima di entrare nell'esercizio, davanti alla guardia giurata sempre più insospettita. Nel sacchetto aveva messo anche una giacca, dopodiché l'uomo ha cercato di guadagnare l'uscita. Quando ha imboccato la porta, però, le barriere antitaccheggio hanno iniziato a suonare e a questo punto la guardia giurata si è qualificata e gli ha chiesto di seguirlo nei locali all’interno del supermercato, per un controllo.

"Rubo perché tossicodipendente"

Il 41enne ha cercato allora di scappare provando a divincolarsi in tutti i modi e colpendo l’operatore che, tuttavia, è riuscito a impedire la fuga dell'intruso. In pochi minuti la volante della polizia giunta sul posto ha arrestato il ladro, il quale ha inveito contro gli agenti affermando di esser costretto a rubare perché tossicodipendente. Al termine degli accertamenti è scattato l'arresto per rapina, oltre che per falsa attestazione e dichiarazione a pubblico ufficiale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ladro: "Ho la Tbc". Durante la direttissima in Tribunale tutti con la mascherina

VeneziaToday è in caricamento