menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In Italia 5mila bambini ogni anno nascono prematuri

In Italia 5mila bambini ogni anno nascono prematuri

Ogni anno duecento bimbi nati prematuri all'ospedale Dell'Angelo di Mestre

Nella Giornata della Prematurità i bimbi portano un dono ai piccoli in terapia intensiva

In Italia, i bambini che nascono prematuri sono cinquemila tutti gli anni, quasi il 10% del totale. Di questi, 200 vengono alla luce all'ospedale dell'Angelo di Mestre.  «La nascita prematura è un problema per i genitori, che vivono disagio, ansia e difficoltà; in alcuni casi lo è anche per il neonato che, se nato prima della 37esima settimana e con basso peso alla nascita, può presentare morbilità e compromissione nelle funzioni vitali - spiega Paola Cavicchioli, del Dipartimento Materno Infantile dell’ospedale di Mestre -. E purtroppo i più piccoli tra i bambini prematuri – all’Angelo ogni anno sono 30-35 i bambini che alla nascita pesano meno di 1500 grammi – possono trovarsi di fronte a gravi problemi di termoregolazione, di alimentazione, di respirazione e di sviluppo».

Anche per questo è fondamentale il lavoro di chi, sia nel quotidiano che nella giornata della Prematurità, si stringe intorno alle famiglie. Come ogni anno, il 17 novembre la statua dell’angelo nella hall dell’Ospedale di Mestre si tinge di viola, e le porte della patologia neonatale, il reparto che accoglie i bambini pretermine, si aprono in un momento di vicinanza e di affetto. «La Patologia neonatale, che è sempre aperta, tutti i giorni e 24 ore su 24, ai genitori dei bambini nati prematuri, in questo giorno per tradizione, spalanca le porte ad un ventata positiva. Questo è il giorno in cui i parenti, e in particolare anche i nonni e i fratellini, possono andare a salutare i bambini in terapia intensiva,un’occasione da non perdere per vedere il piccolo che è nato ma ancora non può uscire dall’Ospedale - spiega il Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima Giuseppe Dal Ben -. Sorrisi che fanno bene, piccoli doni, gesti di vicinanza, arricchiti dal lavoro encomiabile di tanti volontari che ogni giorno affiancano la vita della nostra Patologia neonatale”. 

Nell’Ospedale dell’Angelo le iniziative per la Giornata della Prematurità, che hanno visto partecipare un centinaio di persone, sono state organizzate anche quest’anno dal Dipartimento Materno Infantile, in stretta collaborazione con le Associazioni Genitori. Tra queste, in collaborazione con la «Scuola in Pediatria» sono stati organizzati uno spettacolo e laboratori sul tema della magia, dedicati ai genitori e ai noni dei neonati ricoverati, ma soprattutto ai fratellini e ai bambini nati pretermine e ora cresciuti. Tutti insieme, poi, i bambini, vestiti da maghi, sono saliti proprio nel reparto a consegnare un simbolico dono – una stellina o una bacchetta magica – ai bimbi in terapia intensiva neonatale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

  • Cronaca

    Morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

  • Incidenti stradali

    Grave incidente tra mezzi pesanti in A4: un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

  • social

    Il gobbo di Rialto e la storia dell'ultimo bacio dei fustigati

  • Ristrutturare

    Bonus mobili 2021: come funziona e come ottenerlo

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento