rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Bissuola Carpenedo / Via Martiri della Libertà

Incendio nella notte a Mestre, deposito per le autodemolizioni distrutto

Fino alle 10 la Municipale ha raccomandato alle famiglie che vivono vicino alla ditta Fratelli Artuso Group in via Martiri di chiudere porte e finestre. Ora tutto è tornato alla normalità

Incendio nella notte nell'azienda di autodemolizioni Fratelli Artuso Group, in via Martiri della Libertà 375. L'area in cui venivano depositati rottami, pneumatici, vernici, oli combustibili e pezzi di carrozzerie verso le tre di stanotte si è incendiata, formando una densa colonna di fumo nero sulla città. L'odore di plastica bruciata era molto forte, come i timori per la dispersione di sostanze nocive nell'aria.

 

I tecnici dell'Arpav hanno già concluso le prime analisi e non hanno segnalato criticità, anche se nell'area immediatamente adiacente al rogo qualche inevitabile ricaduta c'è stata. Il fatto però che non si sia deciso di evacuare nessuna abitazione dimostra che non si sono riscontrati problemi dal punto di vista della diossina o di altri inquinanti.

 

Il deposito è stato completamente distrutto dalle fiamme. Alle otto di mattina comunque i vigili del fuoco hanno dichiarato che la situazione è sotto controllo, avendo ormai circoscritto di molto l'area occupata dal rogo. Si sta procedendo con le operazioni di smassamento del materiale bruciato. Stanotte la situazione era molto diversa. Quattro le squadre di pompieri arrivate sul posto, con la compagnia di Mestre impegnata a pieno regime.

 

La polizia municipale fino alle dieci di stamattina ha raccomandato ai cittadini dell'area vicina all'incendio di adottare basilari norme di prudenza (tenere chiuse porte e finestre e non sostare inutilmente all'esterno vicino alla zona interessata dall'incendio), al fine di limitare qualsiasi rischio di contatto con eventuali sostanze inquinanti. Ora però tutto è tornato alla normalità.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio nella notte a Mestre, deposito per le autodemolizioni distrutto

VeneziaToday è in caricamento